Spider-torta di compleanno

E con maggio è arrivata la bella stagione e… l’inizio della raffica di feste!!! Il nostro “tour de force” è iniziato con il compleanno del Nano, da festeggiare sia in famiglia che con gli amici (il giorno seguente)!
A casa abbiamo festeggiato solo con il gelato, perché sono stata troppo impegnata a realizzare la torta per la grande festa con i compagni del giorno dopo… Visto che quest’anno non esprimeva preferenze per la torta, ho ripetuto il soggetto dei suoi 4 anni e gli ho preparato una “Spider-torta”!

Ho tagliato il pan di Spagna alto 4 cm (già pronto) a metà, ne ho bagnato i due strati con lo sciroppo alla fragola diluito nell’acqua e l’ho farcito con crema al cioccolato (anche quella confezionata) e fragole. Questa volta il pan di Spagna era bagnato a sufficienza e ne vado molto fiera, perché non mi viene mai della consistenza giusta, ma sempre un po’ troppo asciutto! 🙂

Per la decorazione, ho realizzato la sagoma di Spiderman con la pasta di zucchero blu e rossa e poi vi ho disegnato sopra le righe e i disegni della tuta con il pennarello alimentare nero. Con la pasta di zucchero rossa e le formine, ho realizzato la scritta e vi ho disegnato sopra le trame della ragnatela sempre con il pennarello nero.
Infine, ho ricoperto la torta con la panna montata mescolata con il colorante blu al gusto di mirtillo e con la siringa da dolci ho decorato i contorni della torta con ciuffetti di panna montata mescolata con il colorante rosso e lo sciroppo di fragola. Vi ho posato sopra la pasta di zucchero con Spiderman e le scritte, e la torta era pronta!
La festa è stata un successo: i bambini si sono divertiti, il Nano ha ricevuto dei regali che ha apprezzato molto (dietro suggerimento della sottoscritta!) e la torta è stata molto apprezzata!!!

AUGURI!!!!

Bottigliette delle emozioni

Come avevo raccontato nel post su “I colori delle emozioni”, il meraviglioso libro di Anna Llenas, ogni mese io e la Patata abbiamo preparato una bottiglietta di colore diverso da portare all’asilo nido. Ma questa attività ci è sempre stata molto invidiata dai fratelli, perciò ne abbiamo preparate tutti insieme altre 6, da tenere a casa.

Il mio “tocco personale” (sia per quelle per l’asilo che per queste per casa) è stato quello di realizzare ciascuna bottiglia con il tappo in tinta a seconda dell’emozione. Per farlo, ho preso una serie di bottigliette del the della stessa marca, in modo che siano tutte della stessa forma e dimensione.

I colori principali sono stati facili da reperire: per il giallo il the al limone, per l’azzurro il the deteinato, per il rosso il the alla pesca… I problemi sono sorti quando siamo arrivati al nero e al verde, per non parlare del rosa… A quel punto mi sono specializzata nel cambiare tappo alle bottigliette!!! Quindi ho sostituito a delle bottigliette uguali alle precedenti, i tappi di altre bevande della stessa marca, compreso il tappo verde del the verde poiché la sua bottiglietta originale era verde anziché trasparente!!! 😛

Con questo post partecipo alla raccolta:
Ispirazioni & Co. 2018
Ispirazioni & Co.

I colori delle emozioni

All’inizio dell’anno scolastico scorso, il nido dei miei figli ha presentato a noi genitori al posto del solito progetto di sezione annuale (che ormai devo confessare di conoscere praticamente in anticipo, poiché, salvo qualche leggera modifica del “contenitore”, le attività che si fanno al nido a seconda della fascia d’età non sono cambiate negli ultimi 8 anni), un nuovo “progetto del nido” legato alle “Emozioni”.

Io che fino a quel momento ne avevo ignorato l’esistenza, mi sono piacevolmente trovata catapultata nel meraviglioso mondo de “I colori delle emozioni” di Anna Llenas…
Così, per Natale, oltre ad accordarmi con gli altri genitori per regalare al nido la collezione completa dei pelouches del mostro delle emozioni, ho personalmente contattato Babbo Natale perché portasse ai miei pargoli più piccoli il libro pop-up!!!

Ovviamente la Patata lo conosceva meglio di me e quindi ho dovuto subito darmi alla lettura per capire meglio i suoi racconti…

Così ho scoperto la storia di questo mostro pasticcione che una mattina si sveglia tutto confuso perché le sue emozioni si sono tutte mescolate…

Ma come è possibile uscire da questa confusione?

Ma imparando a riconoscere le diverse emozioni e separandole tra loro!!!

Così l’allegria ha il colore del sole: giallo.

La tristezza ha il colore azzurro.

La rabbia è rossa come il fuoco.

La paura fa diventare tutto nero.

La calma ha il colore delle foglie: verde.

Una volta che le emozioni sono tutte al loro posto, ciascuna nel suo barattolo, pronta per essere tirata fuori al momento del bisogno…

…ecco spuntare fuori un’altra emozione tutta rosa… l’amore! 🙂

Purtroppo i pop-up hanno subìto qualche piccolo danno da parte del Topino curioso, ma nonostante ciò restano comunque bellissimi.
Ho scoperto che esiste anche una versione illustrata a colori senza pup-up, forse più adatta ai piccoli, anche se per me un po’ meno bella! 😛

Per l’asilo, ogni mese io e la Patata prepariamo una bottiglietta con il colore del mese: il giallo dell’allegria a novembre, l’azzurro della tristezza a dicembre, il rosso della rabbia a gennaio, il nero della paura a febbraio e a marzo il verde della calma… Per aprile dovremo preparare la bottiglietta rosa, ma ormai sono preparatissima: mentre per il giallo non sapevo proprio come riempirla, dopo aver letto il libro non ho nessuna esitazione!!! 🙂

…ed oggi al supermercato ho visto un album da colorare e non ho saputo resistere: indovinate cos’era???

Ma questo, ovviamente:

Con questo post partecipo alla raccolta:
Ispirazioni & Co. 2018
Ispirazioni & Co.

Avanzamento dei lavori di marzo

Ed eccoci ad aprile, con la sua aria primaverile (finalmente!!!), e al resoconto mensile dei miei W.I.P. (= Work In Progress)…

  • Ho proseguito con il lavoro alla tunica rosa e lilla (mod. Lyrah by DROPS Design) per la mia Patata, portando avanti il busto a grana di riso con il colore fuxia.
  • Ho lavorato al vestitino traforato lavorato a maglia con il cotone turchese (mod. Wendy Darling by DROPS Design) ed ho quasi terminato la fascia per i capelli abbinata, sempre per la mia Patata;
  • Ho realizzato le decorazioni (perché la torta in sé era pressoché pronta 😛 !) con i “PjMasks” in pasta di zucchero per la torta di compleanno per i miei bimbi.

…ed ecco terminato l’elenco delle opere che ho portato avanti in questo mese! 🙂

Buona Pasqua!!!

Torta PjMasks

Stamattina abbiamo festeggiato il Terremoto e la Patata in un locale per bambini con una festa unica a cui partecipavano alcuni amichetti di scuola di entrambi.

Dopo essermi fatta un sacco di ipotesi ed essere andata alla disperata ricerca di un modo per realizzare una torta di Star Wars per il Terremoto e una torta con le pricipesse per la Patata, ho avuto un’idea brillante: festa unica, torta unica!!! 😀

E il soggetto che mettesse d’accordo tutti e due erano i “PjMasks”, ovvero i “Superpigiamini”, i tre supereroi in pigiama!!! Continua a leggere

Fortino di legno

Per il precedente compleanno, al Nano hanno regalato un kit per costruire con il legno. La confezione conteneva alcune pezzi di legno, un seghetto, la colla da legno, chiodini e martello, oltre ad alcuni accessori per mettere i chiodi in sicurezza e per tagliare nel modo giusto il legno…
Finalmente, nel week-end, lui e il papà hanno trovato un momento per mettersi insieme a costruire un fortino per i soldatini!!

Insieme hanno tagliato i legni lunghi in modo da creare le pareti e i buchi per la porta, oltre al piano intermedio. Poi li hanno incollati e inchiodati tra loro e vi hanno incollato le 4 colonne su cui hanno poggiato la torretta di vedetta.

Adesso che il fortino è terminato, soldati e indiani possono combattere grandi battaglie!!! 🙂

 

Con questo post partecipo al:

Ispirazioni & Co. 2018
Ispirazioni & Co.

“Carcassonne”

Ancora per il compleanno del Nano, ci hanno regalato (dietro suggerimento non del tutto disinteressato 😛 ) un gioco che io ho conosciuto e giocato da ragazza e che prende il nome da una famosa città medievale francese: Carcassonne. Benché sulla scatola sia indicata l’età “8+”, sono riuscita a spiegare le regole anche al Nano e al Terremoto, facendo delle partite di prova a regole semplificate, per introdurle gradualmente una a una fino alla partita con le regole complete…

Al Nano 7enne e al Terremoto 4enne piace molto costruire le città, le strade e i monasteri circondati dai verdi campi, in soluzioni sempre differenti ad ogni partita. Per il punteggio, hanno ancora da imparare le strategie vincenti, ma hanno tempo! 🙂

Continua a leggere

Avanzamento dei lavori di dicembre

E con la fine di dicembre, siamo arrivati al nuovo anno… Durante questo ultimo mese del 2017, presissima dal lavoro, dai regali di Natale per i familiari e per le educatrici del nido e dall’organizzazione del viaggio per andare dai miei, sono riuscita a fare giusto qualcosina:

  • ho proseguito con il mio coprispalle in lana mista ad alpaca (mod. Neap Tide by DROPS Design), lavorando alle maniche (che nel modello originale non erano previste);
  • ho realizzato un coprispalle in lana bianca con screziature dorate e con motivo a pizzo (mod. Sweet Emerald by DROPS Design) per la notte di Capodanno;
  • ho realizzato un biglietto di auguri con palloncini per una festa di compleanno di un compagno del Terremoto;
  • ho partecipato all’Atelier di Natale del nido, realizzando insieme alla Patata e al Topino dei bellissimi biglietti di auguri con la tecnica dell’impronta delle mani e con la tecnica del collage;
  • ho realizzato dei bigliettini con alberi di Natale per le educatrici del nido della Patata e del Topino, per accompagnare i regali di classe;

…ed ecco terminato l’elenco delle opere che ho portato avanti in dicembre! 🙁
Visto che l’anno è finito, dovrei fare il punto della situazione dei miei vari UFO, per vedere quanto sono stata produttiva nel 2017… 😛

Biglietti di auguri taglia XS

Lunedì scorso, come ogni anno da un po’ di tempo a questa parte, il nido dei miei figli ha organizzato l’Atelier di Natale per genitori e bambini… In questa occasione, quest’anno mi sono dovuta dividere in due per riuscire a realizzare dei biglietti di auguri con la Patata e, contemporaneamente, anche con il Topino…

Viste le scarse possibilità di lavoro insieme al Topino e i tempi attentivi limitatissimi a causa dei suoi 15 mesi, con lui ho realizzato delle impronte della sua manina con la tempera bianca sullo sfondo di un foglio rosso. Ho dato giusto la forma di un albero di Natale e di un Babbo Natale con cappello, poi ho dovuto lavarlo per evitare di diventare tutti bianchi entrambi!!! 😆

Con la Patata, invece, più grande e più collaborativa, ho realizzato un biglietto con un albero di Natale con tanti pacchetti regalo intorno, incollando pezzetti di carta e tessuti vari, per creare un collage. Il suo tocco personale l’ha dato nel voler incollare tante palline (riciclate probabilmente da un “pot-pourri” o da qualche mazzo di fiori essiccati) all’albero di Natale…

Il risultato è stato comunque piacevole e, soprattutto, è frutto di un pomeriggio trascorso insieme ai miei bimbi!! 🙂

Ed eccoli insieme a tutte le altre “opere” dei bimbi della classe:

Buon Natale!!!

Biglietto di auguri con palloncini

Questo mese, il Terremoto sta iniziando a frequentare feste di compleanno di compagni di classe. Per accompagnare il regalo di classe al festeggiato, ho realizzato io stessa un biglietto personalizzato in tutta fretta, giusto un’ora prima della festa!!! 😛

Ho piegato a metà un cartoncino azzurro con fantasia di pois blu e vi ho attaccato delle strisce di carta colorata, a simulare gli strati di una torta. Alla base ho applicato un’altra striscia che avevo prima rifilato con la taglierina ondulata per il pizzo sotto-torta e sopra un numero di foam adesivo che avevo.

All’interno ho applicato, con dei quadratini di colla in rilievo, 16 palloncini che avevo precedentemente ritagliato con le forbici da dei fogli di carta colorata. Vi ho legato dei fili colorati alla base e in fondo ai fili ho attaccato con lo scotch un cartellino con gli auguri, in modo che saltasse fuori una volta aperto il biglietto.

Per essere stato fatto in mezz’oretta è venuto sufficientemente carino, no? 😀