“Torta” di compleanno arcobaleno

Per il compleanno del Terremoto, quest’anno niente feste… Anche la torta a scuola è bandita, nemmeno confezionata (perché poi si creano difficoltà a condividerla)… Sono permesse solo caramelle/merendine già confezionate monodose.

Perciò, ho proposto al Terremoto di realizzare delle scatoline e inserirvi delle caramelle da dare ai suoi compagni. Il Terremoto ha accolto con grande entusiasmo la cosa e perciò io ho studiato l’idea e poi abbiamo realizzato insieme il prototipo di carta, prima di riportarlo su cartoncino…

Template per scatolina-fetta di torta (per torta da 9 fette)

Avendo pensato ad una torta, ho deciso di fare delle scatoline a forma di fette di torta…
Erano mesi che facevo il filo a delle fustelle per la Big Shot, ma non mi sono mai decisa ad acquistarle e ora come ora, tra tempi di spedizione e tempi di realizzazione non ci sarei stata dentro…
E poi ho pensato che le scatoline fustellate hanno una dimensione fissa… e quindi che gusto c’è??? Io invece ho deciso di realizzare una torta… a 9 fette!!! Una per ciascun compagno, e poi una fetta a parte per il festeggiato! 🙂 E, in fondo, 10 scatoline cosa ci vorrà a farle? 😛

Essendomi capitata tra capo e collo la quarantena, mi sono messa all’opera con un certo anticipo, anche per poter mettere le scatoline già pronte “in quarantena”… sai mai che trasmettiamo il virus attraverso il cartoncino e la carta!!! 🙂
Come prima cosa, ho stabilito la quantità di fette (cioè 9) e perciò ho calcolato l’angolo di ciascuna fetta di 40° (ovvero 360°:9!). Poi ho stabilito le altre dimensioni: il diametro della torta (22 cm), l’altezza delle scatoline (7 cm) e del coperchio (1,5 cm). Perciò mi sono disegnata un prototipo, l’ho stampato su un foglio A4 e poi, con il righello e una penna che non scrive più, ho riportato tutte le righe sui cartoncini di 9 colori diversi (grosso modo quelli dell’arcobaleno, con qualche sfumatura aggiuntiva…).

Una volta ritagliate tutte le basi e tutti i coperchi, prima di incollare le linguette e chiudere le scatoline, ho tagliato rifilando di pochi millimetri i bordi dei coperchi con la taglierina sagomata, in modo da dare un po’ di movimento al tutto. Incollati basi e coperchi, ho poi preferito scambiare i coperchi tra le scatoline per mettere in risalto i bordini decorati, che tinta su tinta non si notavano.

Infine, per decorare la torta, con la fustella circolare ho ritagliato un cerchio decorato, su cui ho incollato la scritta (sempre circolare) “Happy Birthday” e al centro, dopo aver praticato un foro, vi ho inserito le linguette di una candelina a forma di numero “8” per farla stare in piedi. Sopra ciascuna fetta, ho incollato delle strisce di carta decorata (di quelle da “quilling”), piegate e incollate in modo da formare 6 archetti, al centro dei quali ho incollato una candelina. Poi ho ritagliato delle sagome sulla carta bianca a formare dei “ciuffetti di panna” e li ho incollati in modo che tenessero fisso il cerchio centrale con la candelina. Infine, intorno alle fette, ho applicato un nastro con fiocco per decorare (nascondendo gli elastici che tengono ben stretta la struttura durante il trasporto) e tenere insieme la torta.

Infine, le ho riempite con 3 cioccolatini (rotondi grandi) e 3 caramelle. Il Terremoto le ha portate a scuola molto fiero! 🙂

Con questo post partecipo a:

Avanzamento dei lavori di gennaio

Questo mese, nonostante le vacanze e l’isolamento forzato -o forse proprio per questo-, non sono riuscita a fare molto perché i bambini in casa non sono un grande aiuto alla “operosità”… Comunque, qualcosina l’ho realizzata:

Chissà per il prossimo mese… ho già in mente un sacco di progetti!!! 😀

Premio per il gioco delle #paroleconcatenate: appendiabiti profumati

A fine anno, Luisella del blog “Tra Italia e Finlandia” ha vinto il gioco delle #paroleconcatenate e perciò le ho inviato un meritato premio…

Visto che per gli ultimi 2 giveaway avevo ricamato delle presine, stavolta ho deciso di essere meno prevedibile e ho realizzato due copri-appendiabiti profumati simili a quelli che avevo cucito alcuni anni fa per dei regalini di Natale (qui)…

Questa volta ho utilizzato della stoffa sui toni del lilla-violetto e ho modificato leggermente il progetto precedente, poiché non avevo più gessetti profumati.
Perciò, ho realizzato una taschina su uno dei due copri-appendiabiti, in modo da poterci infilare un profumatore da armadi, o un antitarme, o della naftalina, a scelta. Per accompagnare il regalo, io vi ho inserito un profumatore alla lavanda (spero che a Luisella piaccia! 🙂)
Sull’altro copri-appendiabiti, con i ritagli di stoffa laterali ho realizzato un fiocco, che ho riempito con dei grani di profumatore alla rosa (spero che anche questo profumo piaccia a Luisella! 🙂).

Quando il profumo si sarà esaurito, basterà sciogliere il fiocco, svuotarlo e riempirlo nuovamente con l’aiuto di un imbuto. Una volta pieno, basta rifare di nuovo il fiocco, in modo che i granuli non escano e possano tornare a profumare l’armadio. Altrimenti si può utilizzare anche un gessetto profumato e allacciarlo nel fiocco, per avere una buona fragranza nell’armadio.

Ho spedito il tutto, accompagnato da un bigliettino. Ho dovuto eliminare le grucce per semplificare la spedizione. Comunque i copri-apendiabiti sono adatti quasi a qualsiasi gruccia, anche se sono perfetti per quelle anonime grucce di metallo che si usano nelle lavanderie.

🙂

Trottola… arcobaleno

Ieri mattina mi sono messa a realizzare due trottole arcobaleno con il Topino e la Patata… eh, già!!! Perché le nostre vicissitudini con il Covid purtroppo non sono terminate e, se non fossi impelagata in tutte le rogne collegate alla quarantena, la situazione sarebbe davvero comica!! In effetti, tra qualche setttimana ci riderò su, ma ora… Se non vi interessa, passate subito all’attività , altrimenti ecco come sono andate le cose…

La situazione, vista da fuori, è da ridere: dopo le positività in classe del Topino, prima, e della Patata (nella stessa scuola), poi, e la quarantena da contatto scolastico per entrambi, siamo finiti isolati tutti e 3 (inizialmente non potevo lasciare il Topino da solo!). Senonché, il Topino ha avuto un po’ di raffreddore e tosse, che ha passato a me e poi alla Patata… A loro la tosse è passata quasi subito, mentre a me è venuto mal di gola e afonia… Perciò tampone a tutti e 3 per sicurezza!!!

Pur essendo costretta a stare lontana il più possibile (e comunque sempre con la mascherina) da marito e fratelli maggiori -attualmente in possesso dell’unico computer su cui ciò è possibile-, sono riuscita a controllare online il risultato del mio tampone ed era NEGATIVO!!! Grande gioia! Sono anche uscita a prendere aria! Invece, il risultato del tampone del Topino l’ha guardato il papà ed era negativo anche lui, mentre la Patata era POSITIVA!
Subito abbiamo rifatto la partita a “capra e cavoli”, spostando la Patata in camera sua da sola e io sono rimasta con il Topino. Dopo 3 giorni ci chiama il Dipartimento di Prevenzione che mette in isolamento per positività al Covid la Patata e… il Topino!!! Già, perché il papà aveva guardato online… il referto di un tampone fatto 3 mesi fa!!!
Ai fini generali, non è cambiato nulla perché io sono finita comunque in quarantena come contatto stretto, mentre i fratelli e il papà si sono salvati perché lontani da giorni e senza sintomi. Comunque i fratelli, visto che erano stati a casa da scuola 2 giorni, non potevo rimandarceli senza dire nulla e perciò hanno fatto il tampone di controllo che è NEGATIVO e possono tornare a scuola.
Intanto, però, siamo stati 4 giorni tutti e 5 a casa mentre il papà era al lavoro… Il Nano davanti al computer a fare lezione online (la famosa DaD) per 5 ore di seguito!!! Il Terremoto, che non regge di più, davanti al mio portatile a fare 2 ore di lezione online in un’altra stanza. Il Topino e la Patata chiusi in camera loro a giocare/litigare/urlare tutta la mattina!!

Perciò per tenerli un po’ buoni, ho rispolverato un’attività suggerita dalle maestre della scuola materna durante il lock-down dello scorso anno e la mattina abbiamo fatto delle trottole arcobaleno!!!

Con il cartoncino recuperato da una scatola di merendine, abbiamo fatto due cerchi e li abbiamo ritagliati (veramente ho barato, usando le fustelle e la Big Shot :P…). Poi, con squadra (quella  da 45°) e matita, ho diviso ciascun cerchio in 8 parti (7 era troppo laborioso) e ciascuno ha colorato il suo con i colori dell’arcobaleno (con l’aggiunta del rosa)… con le matite colorate!!! Si poteva fare con i pennarelli e -forse- l’effetto sarebbe stato migliore, ma vuoi mettere il tempo che ci vuole a colorare con i pennarelli rispetto a quello che ci vuole con le matite??? E io dovevo riuscire a farli stare buoni mentre i fratelli facevano la DaD, quindi il più a lungo possibile!!! 😛
Il Topino ha colorato seguendo l’ordine che gli ho segnato (quello dell’arcobaleno), mentre la Patata ha fatto un mix! 🙂
Una volta terminato di colorare le trottole, le ho bucate al centro e vi abbiamo infilato una cannuccia di quelle dei succhi di frutta in brik (fissate con la colla a caldo perché il cartoncino non scendesse lungo la cannuccia) e poi… via alla gara a chi la faceva girare più veloce!!! 🙂

 

Con questo post partecipo a:

Buoni propositi per il 2021

Durante questo strano anno ormai terminato, nonostante il lungo periodo trascorso a casa, in cui avrei potuto (e anche voluto -inizialmente-) dedicarmi a tempo pieno ai miei hobbies, sono stata presa da mille altre cose: i bambini sempre in casa cui cucinare tutti i pasti, la spesa grossa ogni settimana con relativa fila fuori dal supermercato, la DaD quotidiana online con relativa attività di scarico/stampa/esecuzione/upload dei compiti successiva, le riunioni online più o meno indirettamente per il lavoro, ecc… Poi ho avuto una terribile apatia, che mi ha impedito di mettermi all’opera sui miei hobbies, e una reazione di “distanziamento social”, che mi ha tenuta lontana dalle (pochissime) piattaforme social che frequentavo, compreso il mio blogghino e i blog che seguivo di solito… Ancora oggi faccio fatica a rimettermi in carreggiata, perciò ho un po’ di post in arretrato e alcuni blog da recuperare, oltre che riprendere i contatti con gli amici… Finora, l’unico impegno che ho portato avanti assiduamente sono stati gli appuntamenti settimanali con i giochi (quello delle Silhouettes del giovedì, che però si è concluso a settembre, e quello delle parole concatenate che ho appena ripreso per la sua 3a edizione).
Premesso tutto questo, ho deciso di fare un resoconto in grande dei lavori che ho fatto (e concluso) nel 2020:

Continua a leggere

Biglietto di compleanno (finalmente!!)

Finalmente, dopo un lunghissimo periodo di inattività, sono tornata all’opera con i biglietti di compleanno!!! 🙂

Eh, già!! Perché i compleanni si continuano a non poter festeggiare, ma gli anni si compiono lo stesso! E per questo, la rappresentante e alcune mamme della classe del Terremoto hanno proposto di fare comunque un regalino a ciascun bambino nel giorno del suo compleanno… La festicciola si fa a scuola portando delle caramelle o una merenda per tutti da condividere a ricreazione (ovviamente, rigorosamente confezionata e da consumare ciascuno seduto al proprio banco, ecc., ecc…). Però, almeno, si prova a dare ai bambini il senso della festa!!! 🙂

Perciò, mentre la rappresentante si è occupata di andare a prendere il regalo, io mi sono offerta di preparare uno dei miei (non ancora famosi in quella classe!) biglietti con i palloncini!!! 😀

Perciò, dopo aver timbrato, fustellato e incollato alcuni palloncini di diverse misure e colori sul lato frontale del biglietto, vi ho disegnato i fili con il pennarello.

All’interno del biglietto, ho incollato i palloncini colorati già fustellati (perché anche in questo periodo di inattività mi sono divertita a fustellarli nei cartoncini riciclati dalle confezioni alimentari), tenuti fermi dal cartellino con il nome dei compagni incollati sul filo. L’effetto di movimento che si crea scuotendo il biglietto è sempre affascinante! 🙂

Avanzamento dei lavori di dicembre

Durante il mese di dicembre, anche a causa delle previsioni funeste per il Natale, mi sono applicata molto poco ai preparativi e non sono riuscita a mettermi al lavoro per dare libero sfogo alla creatività natalizia… Comunque ecco in breve quel che ho fatto, prevalentemente legato ai pochissimi regalini natalizi da preparare quest’anno:

  • ho realizzato un biglietto di auguri per accompagnare un regalino alle zie lontane;
  • ho realizzato un biglietto di auguri per gli anziani di una casa di riposo (vedi post di Fiore);
  • ho preparato alcune tags per i pensierini natalizi alle mie colleghe;
  • ho preparato una tag natalizia per la maestra della Patata, da attaccare al regalino di classe;
  • ho realizzato un biglietto di auguri per la Prima Comunione di mio nipote, per accompagnare il quadro di S. Francesco che gli abbiamo (finalmente!) regalato;
  • ho preparato alcune torte per gli onomastici in famiglia (della Patata, il mio e del Terremoto)…

…e con questo ho finito… 🙂

Biglietti e regalini dell’ultimo minuto

Visto che quest’anno il Natale sarà “a distanza”, mi sono dovuta fare in 4 per riuscire a stare dietro a pacchi e pacchettini da spedire in giro alle persone più care.
E per farlo, vuoi non metterci un bigliettino di auguri?? 😀
Perciò, grazie alle fustelle che mi ero auto-regalata l’anno scorso, quest’anno ho preparato un po’ di tags e bigliettini per accompagnare:

  • i pensierini per le colleghe più vicine (un barattolino di mini-Nutella, “per un dolce Natale”) 😛
  • il regalo alle zie lontane, che hanno tanta nostalgia dei pronipoti (per accompagnare un set di stelle-portafoto da appendere all’albero, o dove vogliono, per tenere sempre in vista le foto dei bambini) 🙂
  • il pensierino di classe alla maestra della Patata (una scatola di torroncini “equo-solidali” e un cuore in ceramica realizzato in un laboratorio di persone con handicap) 🙂
  • un biglietto di auguri per gli anziani di una casa di riposo (vedi post di Fiore), che in questo periodo più di tutti soffrono la solitudine e la distanza dai propri cari 🙁

Insomma, spero che questo sia solo l’inizio di una ripresa della mia vena creativa, perché dopo questo lungo periodo di apatia ho ritrovato un obiettivo “creativo”! 🙂
E per oggi è tutto…
Perciò, lascio i miei più sentiti

🎄🎄 AUGURI DI BUON NATALE 🎄🎄

a tutti coloro che solitamente passano dal mio modesto blog! 🙂

Biglietto-bouquet

Quest’anno, la Patata non sarà accompagnata alla fine del suo ciclo di scuola materna dalla sua maestra degli anni scorsi, poiché durante il lock-down lei ha annunciato di essere in maternità.
Così, d’accordo con le rappresentanti di classe, le abbiamo fatto un regalo… una borsa per neonato con borsetta termica coordinata!

Io, nonostante il periodo un po’ critico abbia fatto scemare la mia vena creativa, mi sono presa l’incarico di fare il biglietto. Sono partita dalla richiesta di far realizzare a ciascun bambino un fiore con l’impronta della manina, richiesta cui le mamme degli altri bambini hanno subito aderito con zelo! 🙂

Poi, dopo aver cambiato progetto più e più volte, stavo quasi per gettare la spugna poiché le manine che mi aspettavo di dover assemblare, in realtà, erano delle “manone” che non entravano in nessuno dei biglietti da me pensati… Alla fine, ho trovato una soluzione non troppo gigantesca… un biglietto-bouquet di fiori!!
Perciò, dopo aver fornito ciascuna manina di un gambo rigido (realizzato con un bastoncino da spiedini ricoperto con una striscia di carta verde piegata in due), le ho riunite tutte incollandole all’interno di una struttura a “nido d’ape”.
Poi ho ritagliato fronte e retro del biglietto nel cartoncino giallo, dandogli la forma di un bouquet che riuscisse a contenere tutte le mani nella sua sgoma. Ho incollato la struttura con le manine sui due cartoncini e ho aggiunto lateralmente due alette a fisarmonica con la carta gialla.
Infine, ho aggiunto un biglietto con dedica all’interno del cartoncino e ho chiuso il tutto con un fiocco realizzato in carta verde di due sfumature differenti. Ho completato il tutto con alcuni stickers a formare il nome e uno sticker con la scritta “For you”… et voilà!

Nonostante non fossi del tutto soddisfatta del risultato, alle altre mamme è piaciuto… e anche alla maestra-futura mamma!!!

🙂

Avanzamento dei lavori di ottobre

Nel mese di ottobre, nonostante un paio di influenze (non da Covid-19, per fortuna!) dei miei figli mi abbiano tenuta a casa alcuni giorni, non sono riuscita a realizzare quasi nulla a causa della pigrizia che ha avuto il sopravvento… Ho dedicato più tempo alla lettura che a fare veramente qualcosa 😛. Perciò ecco molto brevemente quel poco che sono riuscita a fare:

  • ho proseguito il ricamo a punto croce e punto scritto per il quadretto per la Prima Comunione di mio nipote, cui manca veramente pochissimo al termine: solo da ripassare le mezze crocette sul fondo del saio del Santo;
  • ho realizzato un biglietto-bouquet di fiori (realizzati con le sagome delle manine dei bambini) per accompagnare il regalo di classe alla maestra della Patata che è in maternità;
  • ho preparato un menù di Halloween “spaventoso” e dei mandarini-zucca di Halloween  per dare ai bambini un po’ di “normalità” in questo periodo per niente normale.

…e con questo ho finito… 🙂