2° Capodanno a Zagreb

Come ormai ogni anno, anche questa volta abbiamo programmato all’ultimo minuto un breve viaggio per Capodanno in una città poco distante da casa… Quindi, dopo ben 5 anni siamo tornati per la seconda volta a Zagreb (Zagabria), la capitale della Croazia! 🙂

Questa volta abbiamo fatto il viaggio il lunedì pomeriggio -30 dicembre- e perciò siamo arrivati appena dopo il tramonto… Le temperature quest’anno erano più accettabili… Non certo tropicali, ma di giorno non sono mai scese sotto i -1°C!

In circa 3 ore di viaggio (a parte una brevissima sosta in un’area di servizio per una regolata alla pressione delle gomme nuove, appena cambiate e quindi in fase di rodaggio, e un po’ di coda alla dogana tra Slovenia e Croazia), siamo arrivati all’albergo dell’altra volta (l'”Hotel I”, vicino all'”Arena Centar”), un edificio non molto nuovo ma con camere accoglienti ed economiche. Dopo aver sistemato rapidamente i bagagli ed esserci adeguatamente equipaggiati per affrontare il freddo, siamo andati in centro.

Dopo una passeggiata per il centro, su una strada piena di bar, birrerie e ristoranti etnici (la Tkalčićeva Ulica), abbiamo trovato un locale che ci ispirava e ci siamo fermati a cena: la birreria “Mali Medo”. Con 285 kune (1€=7,10kn), quindi circa 20 € a testa, abbiamo mangiato un piatto enorme di ćevapčići e carne mista di maiale con verdure grigliate, un piatto di pljeskavica (un grosso hamburger speziato) con verdure grigliate, 2 dolci (la “Medina torta od sira” -“torta al formaggio di Medina”- ovvero una cheesecake al cioccolato, e la “Medina slatka tajna” -“dolce segreto di Medina”- ovvero una specie di brownies con topping alla fragola, serviti con ciuffetti di panna) e 4 birre medie! 😛
Stanchi e sazi, siamo poi tornati alla macchina che avevamo parcheggiato in una stradina in pieno centro, per trovarci una brutta sorpresa: una multa di 150 kn che a fatica abbiamo capito perché abbiamo preso (solo perché accompagnata da un foglio in  croato, inglese e un’altra lingua)…

Stamattina -martedì 31 dicembre- abbiamo provato a capire come pagare la multa ma, dopo alcune difficoltà di comprensione del sito in croato e inglese, abbiamo optato per dirigerci alla sede della “Zagrebparking”, in Šubićeva Ul. 40.
Dopo essere tornati in centro e aver parcheggiato, abbiamo fatto una lotta con la macchinetta per pagare il parcheggio e poi anche con il portale, poiché sembrava fuori servizio…
Alla fine abbiamo fatto una scoperta importante: la multa di ieri l’abbiamo presa perché non avevamo visto il cartello che indicava il parcheggio a pagamento (le strisce sono tutte bianche e non blu, come da noi!) né colonnine per il pagamento, ma pagando la multa abbiamo pagato la tariffa per una giornata intera e quindi la nostra targa era già nel sistema e risultavamo perciò “coperti” per 24 ore fino a stasera!!

Ormai tranquilli per il parcheggio, abbiamo iniziato a girare il centro città, riscoprendo i luoghi di 5 anni fa e altri posti nuovi.
Ci siamo fermati a prendere un caffè al “Choco Cafe” in Ul. Nikole Tesle, un locale simpatico, con torte e dolci golosi sia nel menù che… attaccati al soffitto!!! 😛
Poi, dopo essere tornati al ristorante dove avevamo cenato 5 anni fa sia a pranzo che a cena l’ultimo dell’anno, e aver ricevuto la triste notizia che era tutto prenotato per il cenone, siamo tornati alla birreria “Mali Medo” per pranzo… Stavolta, con un piatto di pasta al goulash, una pljeskavica con verdure grigliate e 2 birre medie, abbiamo speso 162 kn (1€=7,10kn), quindi circa 11 € a testa!

Dopo pranzo abbiamo camminato ancora un po’ e poi siamo tornati in hotel per riposarci in vista della lunga serata, che passeremo in giro per il centro scaldandoci nei locali e bevendo kuhano vino (cioè il vin brulé) sotto le stufe dei chioschetti del centro…
Per ora, quindi, faccio i miei auguri di

BUONA FINE DELL’ANNO VECCHIO
e BUON INIZIO DEL NUOVO ANNO
A TUTTI!!!!

e…
al prossimo anno!!!

Vincitori gioco #paroleconcatenate 2019

Con la fine del 2019, è arrivato il momento di decretare i vincitori della Ia edizione del gioco delle parole concatenate!!! Poiché domani sarò impegnatissima, ho anticipato ad oggi il post finale del gioco…

La soluzione della catena della settimana scorsa era:

Bicchiere
Cristallo
Neve
Fiocchi

Un “bicchiere di cristallo” è un bicchiere di vetro pregiato.
Un “cristallo di ghiaccio” è una particella di acqua ghiacciata che, aggregandosi ad altre particelle, costituisce il “fiocco di neve”.

Perciò, complimenti a Luisella, che ha indovinato la soluzione.

Con quest’ultima puntata del 2019, è arrivato il momento di stilare la classifica dettagliata di tutti coloro che hanno partecipato al gioco, unito ad un enorme GRAZIE a tutti i partecipanti, vincitori e non, ma anche a tutti i sostenitori e a chi è passato anche solo per un saluto!!!
Ecco quindi i risultati di questa Ia edizione:
1. Luisella del blog “Tra Italia e Finlandia”, che ha indovinato per prima 25 catene
2. Sara del blog “Creativa per gioco e per passione”, che ha indovinato per prima 8 catene
3. Sara D.B. del blog “Villa Emilia (My Woodland Garden)”, che ha indovinato per prima 7 catene
4. Fiore del blog “Casalinga per caso”, che ha indovinato per prima 5 catene
5. Maria del blog “Africreativa”, che ha indovinato per prima 1 catena e
Davide e Carmela del blog “Pyros & Patch”, che hanno indovinato per primi 1 catena

Vista la vittoria schiacciante, decreto vincitrice Luisella!! Quindi, come promesso… le ho preparato una sorpresa! Intanto, se ha piacere, può prelevare qui sotto il banner che ho creato apposta per l’occasione:

🙂

Per tutti voi, appuntamento a martedì prossimo (7 gennaio) con l’inizio della nuova sfida!!!

Intanto…

BUONA FINE DELL’ANNO
E
BUON INIZIO DELL’ANNO NUOVO!!!

Silhouettes VIP quiz n.6

Eccoci all’ultimo appuntamento dell’anno 2019 (finora il 6° dal suo inizio) con il gioco del giovedì delle silhouettes dei VIP.

Il personaggio della precedente puntata era l’attore, cantante e ballerino statunitense 2 volte candidato agli “Oscar” come miglior attore per la sua interpretazione in La febbre del sabato sera (1977) e Pulp Fiction (1994), vincitore di un “Golden Globe” per il suo ruolo in Get Shorty (1995). Ha ricevuto altre candidature ai Golden Globe per i film (oltre a quelli già citati) Grease (1978), I colori della vittoria (1998) e Hairspray – Grasso è bello (2007) e per la serie televisiva antologica American Crime Story (2016)…

Stiamo parlando di…
John Travolta
(Englewood, 18 febbraio 1954)!!

Perciò, grazie a tutti i partecipanti, e complimenti in particolare a Luisella, che ha indovinato!

Perciò, Luisella del blog “Tra Italia e Finlandia”, guadagna 3 punti per aver indovinato per prima la silhouette!

Ed ecco la classifica attuale dei partecipanti a questo gioco:

1. Luisella del blog “Tra Italia e Finlandia” (9 pt);
2. Davide e Carmela del blog “Pyros & Patch” (3 pt);
2. Fiore del blog “Casalinga per caso” (3 pt).

Le regole le trovate qui, mentre qui ci sono tutti i quiz precedenti.

Ed ora, ecco qui la sesta immagine (questa volta di un personaggio femminile):

Indovinato??? 🙂

Per ora, buona fine dell’anno e buon inizio dell’anno nuovo e… a giovedì tra due settimane (giovedì 9 gennaio) per la soluzione e il vincitore!!!
P.S.-Dall’anno nuovo aggiungerò un suggerimento il giovedì successivo al lancio del gioco, nel caso in cui almeno 2 partecipanti non avessero indovinato… Allora potranno ritentare la settimana subito successiva!

🙂

P.S. – Errata Corrige del 7 gennaio 2020: Luisella guadagna, per i punteggi come da regolamento, raggiunge il punteggio di 8 pt anziché i 9 erratamente assegnati (cfr. “errata corrige” del post del 12/12/2019 e del post del 14/11/2019).

#paroleconcatenate n.48

Con queste feste di mezzo, ho ritardato di un giorno l’appuntamento settimanale con il gioco delle parole concatenate!!! Ops… 😀

La soluzione della catena della settimana scorsa era:

Cranica
Calotta
Polare
Orso

La “calotta cranica” è la parte superiore del cranio, di forma ovoidale, formata dall’insieme di diverse ossa piatte (frontale, occipitale, parietali, temporali)e delimitata in basso dalla base del cranio. La sua superficie è ricoperta dal cuoio capelluto.
La “calotta polare” è la calotta di ghiaccio che copre il terreno di una vasta area geografica, in prossimità dei poli terrestri.
L’“orso polare” o “orso bianco” (Ursus maritimus Phipps, 1774) è un grande mammifero carnivoro appartenente alla famiglia Ursidae, che si trova attorno al polo nord nel mare glaciale artico ed è il più grande carnivoro di terraferma esistente sul nostro pianeta insieme all’orso kodiak.

Perciò, complimenti a Luisella, che ha indovinato la soluzione e grazie a tutti i partecipanti!

Poiché mancano ancora pochi giorni alla fine dell’anno, coraggio: questa è l’ultima puntata!!! 🙂

Le regole le trovate come sempre qui, mentre qui ci sono tutti gli esempi precedenti e qui la classifica più dettagliata, aggiornata alle prime 40 puntate.

Ed ora… ecco la catena di oggi:

Bicchiere
C
N
Fiocchi

Indovinato??? 🙂

A lunedì prossimo per la soluzione e il vincitore!!!

Intanto Buona fine dell’anno e buon inizio dell’anno nuovo!!!

Fare Natale 23: manine portacandeline

Per questo ventitreesimo e penultimo appuntamento con le decorazioni di Natale, voglio mostrare i portacandelina che hanno realizzato la Patata e il Topino all’asilo. Anche se non è un’idea mia e non l’abbiamo realizzata insieme, è comunque un loro lavoro! 🙂

Con la pasta di sale hanno realizzato una base su cui hanno impresso l’impronta della loro manina, poi hanno colorato e decorato il tutto e infine (credo le maestre) vi hannno incollato una candelina tea-light.
Una volta impacchettato il lavoro, sulla confezione (sempre le maestre, immagino) hanno attaccato un pensiero sulla luce di Natale molto bello…

Ecco la manina della Patata, con fiocchi di neve argentati:e quella del Topino, con i glitter dorati:

A domani con una nuova idea! 😉

Fare Natale 22: stelline multicolore

Per questo ventiduesimo appuntamento con le decorazioni di Natale, ho realizzato delle stelline di vari colori all’uncinetto. Ecco le spiegazioni della lavorazione, a partire dal cerchio magico (o anello magico):

1° giro: 3 cat., 14 m.a. inserendo l’uncinetto nel cerchio magico, chiudere con 1 m.bss. nella m. di inizio.
2° giro: *5 cat., 1 m.b. nella penultima cat., 1 m.m.a. nella cat. successiva, 1 m.a. nella cat. successiva, 1 m.a.d. nella cat. successiva, chiudere con 1 m.bss. saltando 2 m. e inserendo l’uncinetto nella 3a m.a. del giro precedente*, rip. * * per un tot. di 5 v., chiudere e fissare il filo.

Altra variante (utilizzata per quelle sfumate), sempre a partire dal cerchio magico (o anello magico):

1° giro: 3 cat., 2 m.a. inserendo l’uncinetto nel cerchio magico, *1 cat., 3 m.a. inserendo l’uncinetto nel cerchio magico*, rip. * * per 4 v., 1 cat., poi chiudere con 1 m.bss. nella m. di inizio.
2° giro: *6 cat., 1 m.b. nella 4a cat., 1 m.m.a. nella 3a cat., 1 m.a. nella 2a cat., 1 m.a.d. nella 1a cat., chiudere con 1 m.bss. saltando 3 m. e inserendo l’uncinetto nella cat. volante del giro precedente*, rip. * * per un tot. di 5 v., chiudere e fissare il filo.

Possono essere utilizzate così come segnaposto, per decorare la tavola di Natale, o in un piatto come centrotavola, oppure per personalizzare i pacchetti regalo… Cucite con un sottopunto ad un anello lavorato anch’esso all’uncinetto oppure tagliato nel feltro, possono diventare dei portatovaglioli personalizzati. Se, invece di tagliare il filo alla fine del giro, si lavora un anello di 30 cat., si possono utilizzare per decorare l’albero, o si possono attaccare al nastro per legare i pacchetti regalo.

A domani con una nuova idea! 😉

Fare Natale 21: Babbo Natale portacioccolatini

Per questo ventunesimo appuntamento con le decorazioni di Natale, ho realizzato un portacioccolatini natalizio molto simpatico da regalare.

Per realizzarlo, ho utilizzato materiali che avevo in casa, alcuni anche di riciclo: il coperchio di plastica di un flacone di sapone liquido, del pannolenci rosso, del cartoncino nero, un nastro nero, una linguetta di lattina dorata, due bottoncini neri, cotone e colla a caldo.

Come prima cosa, ho ritagliato una striscia di pannolenci rosso alta quanto il coperchio e lunga poco più della circonferenza della base del coperchio.
Con la colla a caldo l’ho incollata tutto intorno al coperchio e ho incollato le due estremità tra loro sovrapponendole.
Poi ho tagliato due strisce uguali di pannolenci della larghezza di circa 1,5-2 cm e sul retro le ho incollate all’interno del coperchio, mentre sul davanti le ho incollate all’esterno del coperchio, aggiungendovi sopra due bottoncini.
Con un nastrino nero di raso e una linguetta dorata di una lattina ho realizzato la cintura e l’ho incollata intorno alla circonferenza-vita, di poco sotto all’attacco delle bretelle.
Sotto il coperchio ho incollato la sagoma di due scarponi, ritagliata nel cartoncino nero, con abbondante colla a caldo.
Sul bordo inferiore, infine, ho incollato due strisce di cotone a creare il fondo dei pantaloni.

…e il Babbo Natale portacioccolatini era pronto da riempire e da regalare!!! 🙂

Si può realizzare nello stesso modo anche con un coperchio del deodorante per ambienti, ma, essendo leggermente più piccolo, le bretelle devono essere più strette!

A domani con una nuova idea! 😉

 

Con questo post partecipo al challenge de “Le Tre Pazze PAPERine”:

Fare Natale 20: alberello di tappi

Per il ventesimo appuntamento con le decorazioni natalizie, ecco degli alberelli realizzati con dei tappi di sughero. Sono semplici da realizzare, anche insieme ai bambini, tuttavia necessitano di supervisione per l’utilizzo della colla a caldo…

Occorrono dei tappi di sughero (la quantità va calcolata in base alla grandezza che si vuole ottenere, calcolando un minimo di 4 tappi), la colla a caldo, tempere e materiale decorativo vario (glitter, carta colorata, nastrini, sagome ottenute con i paper-punch, adesivi natalizi, ecc…).
Tenendo da parte 1-2 tappi per il tronco, si devono realizzare delle file di tappi (possibilmente della stessa dimensione) incollandoli uno ad uno a partire da 1 tappo in alto e aggiungendo sempre 1 tappo ad ogni riga verso il basso (es.: 1 tappo sulla sommità, 2 tappi nella 2a fila, 3 tappi nella 3a fila, 4 tappi nella 4a fila, ecc…) in modo da ottenere una struttura triangolare…

Una volta ottenuto l’albero, si monta su uno o due tappi (in base alla dimensione) come tronco. Poi si può decorare a piacere.

Il Nano lo ha colorato con le tempere, poi lo ha decorato con cotone e pezzi di foam glitterato…

A domani con una nuova idea! 😉

Fare Natale 19: palline con paillettes

Per questo diciannovesimo appuntamento con le decorazioni di Natale, ecco come si possono realizzare delle elegantissime palline natalizie con paillettes. Possono essere utilizzate per decorare l’albero, o in un piatto come centrotavola di Natale, oppure attaccate al nastro per legare i pacchetti regalo.

Come prima cosa, occorre avere delle palline di polistirolo. Io ne avevo prese anni fa in un bazar di casalinghi, ma poi eran rimaste dimenticate in fondo ad uno scatolone di occorrente per decorazioni. Quest’anno le ho rispolverate e, con paillettes, spilli e nastrino rosso, ho realizzato un’elegantissima pallina di paillettes…
La procedura è semplice: si tratta di posizionare le paillettes e fissarle con uno spillo nel foro alla palline; per poterla appendere basta infilare un nastrino sulla sommità prima di fissare con lo spillo.

Sempre con le paillettes e gli spilli, utilizzando qualche altro materiale di recupero, si possono realizzare tante palline in versioni leggermente diverse:

  • con le sole paillettes e gli spilli, si può rivestire completamente la pallina partendo dalla cima e proseguendo in cerchio inserendo lo spillo nel foro della paillette;
  • con nastrini e paillettes, si può avvolgere la pallina con dei nastrini e fissare delle paillettes sul nastrino con uno spillo;
  • con un centrino all’uncinetto e paillettes, si può ricoprire la pallina e fissare delle paillettes sul centrino con uno spillo;
  • con spray dorato o argentato e paillettes, si possono applicare con gli spilli delle paillettes dopo aver tinto le palline con la bomboletta;
  • con carta per découpage a tema e paillettes, dopo aver rivestito la pallina con il découpage, si possono applicare con gli spilli alcune paillettes in tinta con il disegno;
  • con colla, glitter e paillettes, dopo aver spennellato la pallina con la colla e averla rotolata nella polverina glitter, si possono poi aggiungere delle paillettes fissate con gli spilli.

L’effetto è davvero elegante, e di difficoltà minima… richiede solo un po’ di pazienza, ma il risultato ne vale davvero la pena!! 🙂

A domani con una nuova idea! 😉