Avanzamento dei lavori di gennaio

Questo mese, nonostante le vacanze e l’isolamento forzato -o forse proprio per questo-, non sono riuscita a fare molto perché i bambini in casa non sono un grande aiuto alla “operosità”… Comunque, qualcosina l’ho realizzata:

Chissà per il prossimo mese… ho già in mente un sacco di progetti!!! 😀

Torta nuvola al caramello

Continua la mia quarantena e con essa i miei esperimenti dolciari… per tirarsi un po’ su di morale almeno con i dolci! 😛

Siccome non posso nemmeno uscire a fare la spesa, e il marito lavora a pieno ritmo e non può andare ogni sera al supermercato, mi sono cimentata in una ricetta semplicissima e veloce, che richiedeva solo 2 ingredienti (che avevo a disposizione in abbondanza): chiara d’uovo e zucchero!!!

Dopo aver fatto caramellare 300 g di zucchero, e avervi “foderato” i bordi di una pirofila (che potesse andare in forno), ho montato a neve soda 8 albumi con 50-60 g di zucchero e li ho versati nella pirofila, livellando bene. Poi ho infornato il tutto in una teglia piena d’acqua (per cuocere a bagnomaria) a 160°C per 30-35 minuti.

Stando ben attenta a non ustionarmi, ho rovesciato la torta dalla pirofila su di un piatto e l’ho lasciata raffreddare.
Il risultato è stata una torta dall’aspetto esterno di una crème caramel, così come anche il gusto. All’interno sembra una nuvola. Ottima ma non esattamente “leggera”. Unico appunto: il caramello era troppo per la mia pirofila! Forse ne basta una quantità minore (tipo 200 g)!
Comunque è stata spazzolata in men che non si dica, leggera o no! 😛

Buoni propositi per il 2021

Durante questo strano anno ormai terminato, nonostante il lungo periodo trascorso a casa, in cui avrei potuto (e anche voluto -inizialmente-) dedicarmi a tempo pieno ai miei hobbies, sono stata presa da mille altre cose: i bambini sempre in casa cui cucinare tutti i pasti, la spesa grossa ogni settimana con relativa fila fuori dal supermercato, la DaD quotidiana online con relativa attività di scarico/stampa/esecuzione/upload dei compiti successiva, le riunioni online più o meno indirettamente per il lavoro, ecc… Poi ho avuto una terribile apatia, che mi ha impedito di mettermi all’opera sui miei hobbies, e una reazione di “distanziamento social”, che mi ha tenuta lontana dalle (pochissime) piattaforme social che frequentavo, compreso il mio blogghino e i blog che seguivo di solito… Ancora oggi faccio fatica a rimettermi in carreggiata, perciò ho un po’ di post in arretrato e alcuni blog da recuperare, oltre che riprendere i contatti con gli amici… Finora, l’unico impegno che ho portato avanti assiduamente sono stati gli appuntamenti settimanali con i giochi (quello delle Silhouettes del giovedì, che però si è concluso a settembre, e quello delle parole concatenate che ho appena ripreso per la sua 3a edizione).
Premesso tutto questo, ho deciso di fare un resoconto in grande dei lavori che ho fatto (e concluso) nel 2020:

Continua a leggere

Torta di pasta frolla farcita allo yoghurt

Chiusi in isolamento per contatti scolastici del Topino con positivi al Covid-19, come già detto, la settimana scorsa io e lui abbiamo iniziato a dedicarci alle torte (qui la torta all’acqua bicolor)…

Dopo che in isolamento ci ha raggiunti anche la Patata (perché anche la sua maestra è risultata positiva e la classe chiusa), la torta l’ho fatta io (da sola!!) per staccare la spina un po’ mentre loro giocavano insieme. 😀

Questa volta ho provato un’altra ricetta che avevamo trovato su Youtube, rivisitandola un po’ in base agli ingredienti che avevo in casa, visto che non potevo certo uscire per fare la spesa! 🙁

È una torta con due strati di una sorta di pasta frolla lievitata, farcita con una crema di yoghurt (e panna, secondo la mia aggiunta).
Purtroppo, il sapore un po’ acidulo dello yoghurt non è piaciuto ai bambini… a parte (miracolo, miracolo!!) al Terremoto, che lo yoghurt non lo vuole vedere nemmeno dipinto -figurarsi mangiarlo!-, ma la torta l’ha apprezzata molto! 😛

La prossima volta penso di aumentare le dosi di panna e diminuire quelle di yoghurt, magari utilizzare uno yoghurt al gusto cioccolato/stracciatella/nocciola/pistacchio anziché bianco, oppure sostituire la crema di farcitura con una crema pasticcera…
Appena riuscirò nell’esperimento, lo posterò di sicuro! 🙂

Torta all’acqua bicolor

La settimana scorsa, in classe del Topino sono state scoperte 2 positività e perciò lui è stato messo in isolamento per contatti scolastici… ma potevo chiuderlo in una stanza da solo, a 4 anni????

Perciò, è finita che ci siamo separati dal resto della famiglia, chiudendoci io e lui in camera mia (l’unica con bagno vicino e che permetta di non incrociare i percorsi del resto dei fratelli)…
Il primo giorno di isolamento, guardando insieme dei video su Youtube di ricette di torte, lui ha iniziato a indicare “Questa torta la facciamo oggi, questa la facciamo domani, questa lunedì, questa venerdì…” 😀

Perciò, appena siamo rimasti soli, abbiamo preparato una torta all’acqua con il cacao e la farcitura alla Nutella!

Abbiamo seguito la ricetta della torta all’acqua con le mele del mese scorso, raddoppiando le dosi, senza mele, e separando a metà l’impasto (in metà del quale, non abbiamo aggiunto il cacao).
Nella teglia abbiamo versato prima lo strato al cacao e abbiamo infornato per 5-10 minuti a 180°, in modo da farlo solidificare prima di aggiungervi uno strato di Nutella e ricoprire con lo strato di impasto bianco. Poi ho decorato con delle macchie di Nutella, che ho “strisciato” con lo stuzzicadenti per produrre un disegno tipo foglie. Infine, abbiamo infornato… Si è gonfiata parecchio e perciò il disegno sopra si è un po’ cancellato, ma era davvero buona!! 😛

Avanzamento dei lavori di dicembre

Durante il mese di dicembre, anche a causa delle previsioni funeste per il Natale, mi sono applicata molto poco ai preparativi e non sono riuscita a mettermi al lavoro per dare libero sfogo alla creatività natalizia… Comunque ecco in breve quel che ho fatto, prevalentemente legato ai pochissimi regalini natalizi da preparare quest’anno:

  • ho realizzato un biglietto di auguri per accompagnare un regalino alle zie lontane;
  • ho realizzato un biglietto di auguri per gli anziani di una casa di riposo (vedi post di Fiore);
  • ho preparato alcune tags per i pensierini natalizi alle mie colleghe;
  • ho preparato una tag natalizia per la maestra della Patata, da attaccare al regalino di classe;
  • ho realizzato un biglietto di auguri per la Prima Comunione di mio nipote, per accompagnare il quadro di S. Francesco che gli abbiamo (finalmente!) regalato;
  • ho preparato alcune torte per gli onomastici in famiglia (della Patata, il mio e del Terremoto)…

…e con questo ho finito… 🙂

Torta di mele all’acqua

Dopo Natale abbiamo avuto l’ultimo onomastico dell’anno da festeggiare in famiglia… Visto che tra panettoni, pandori e frutta secca (datteri e fichi secchi), abbiamo fatto una scorpacciata di dolci, ho pensato di fare una torta un po’ più leggera, senza burro né uova… (qui gli ingredienti).

Ho mescolato la farina (ho usato quella autolievitante 😛), acqua e olio di semi con il cacao in polvere. Poi ho versato la metà del composto nello stampo rotondo ricoperto con la carta da forno e ho messo nel forno preriscaldato a 180°C per diversi minuti (finché non si è formata una base leggermente solida). In seguito, ho aggiunto uno strato di fettine di mela e le ho ricoperte con la metà rimanente del composto. Ho decorato la superficie con alcune fettine di mela rimaste e ho infornato di nuovo a 180° per circa mezz’ora.
Una volta pronta (ha superato la prova dello stuzzicadenti!), l’ho tirata fuori dal forno e l’ho lasciata raffreddare per un paio di ore. Prima di servirla, l’ho spolverata con lo zucchero a velo… Poi, è sparita!!!! 😀

#solocosebellenovembre

Questo mese di novembre sta andando sempre peggio con le norme anti-Covid e le limitazioni connesse. La Prima Comunione del Nano dovrà essere rimandata di nuovo, poiché altrimenti non potrebbero partecipare né i nonni né i pochi parenti stretti che si trovano tutti fuori Regione e invece di essere una festa, diventerebbe un giorno come tanti altri… A causa delle restrizioni, sto alternando momenti di claustrofobia ad altri in cui vorrei chiudermi in casa e rifugiarmi sotto le coperte per intere giornate: anche fare i più basilari acquisti è diventata un’Odissea perché il week-end è tutto chiuso (ed era l’unico momento in cui riuscivo ad uscire senza dovermi trascinare dietro tutta la truppa) e non abbiamo più valvole di sfogo per lo stress settimanale (che consisteva nel cenare fuori)! Il lavoro non ne parliamo nemmeno, visto che: presto vedrò decurtato lo stipendio (già da fame) che prendo, a fronte di una professione più che qualificata; dopo che è mancato uno stimatissimo collega, che non verrà sostituito, tutti dobbiamo farci carico di tamponare diverse situazioni che sono rimaste sospese, oltre che affrontare ogni giorno il vuoto che ha lasciato… 🙁

Perciò, sinceramente, questo mese è stato ancora più difficile trovare qualcosa di bello… Ma il gioco funziona così e perciò mi sono sforzata davvero…

Ed ecco, proprio l’ultimo giorno di novembre, abbiamo festeggiato l’onomastico del Topino con una bella torta… Almeno lui era felice! 🙂

Perciò concludo l’appuntamento con #solocosebelle con alcune foto di questo mese:

Tramonto

Tramonto

Torta di onomastico (Nutella e noci)

Con l’augurio di ritrovarci a fine dicembre
con ancora più #solocosebelle da raccontare! 🙂

Avanzamento dei lavori di ottobre

Nel mese di ottobre, nonostante un paio di influenze (non da Covid-19, per fortuna!) dei miei figli mi abbiano tenuta a casa alcuni giorni, non sono riuscita a realizzare quasi nulla a causa della pigrizia che ha avuto il sopravvento… Ho dedicato più tempo alla lettura che a fare veramente qualcosa 😛. Perciò ecco molto brevemente quel poco che sono riuscita a fare:

  • ho proseguito il ricamo a punto croce e punto scritto per il quadretto per la Prima Comunione di mio nipote, cui manca veramente pochissimo al termine: solo da ripassare le mezze crocette sul fondo del saio del Santo;
  • ho realizzato un biglietto-bouquet di fiori (realizzati con le sagome delle manine dei bambini) per accompagnare il regalo di classe alla maestra della Patata che è in maternità;
  • ho preparato un menù di Halloween “spaventoso” e dei mandarini-zucca di Halloween  per dare ai bambini un po’ di “normalità” in questo periodo per niente normale.

…e con questo ho finito… 🙂

Notte di Halloween

Quest’anno, purtroppo, la manifestazione cui partecipavamo ormai ogni anno da un po’ di tempo per “La not dalis muars” (come tutte le altre manifestazioni) è stata cancellata dal Dpcm del 24 ottobre, a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Perciò eccomi qui a dover inventare un modo di festeggiare lo stesso Halloween. Un gruppo di intraprendenti genitori del condominio ha organizzato di far mascherare lo stesso i bambini e farli giocare in cortile, distribuendo loro dolcetti e caramelle! 🙂

Io ho “truccato” da zucche di Halloween dei mandarini, dipingendovi sopra le facce con un pennarello alimentare nero.
Altre famiglie hanno portato castagne e vin brulé, caramelle e cioccolatini per tutti, una radiolina con una musica un po’ spettrale, giusto a tema… 🙂

Poi, in famiglia, ceniamo con la pasta e le crocchette di pollo di Halloween (prese al Lidl) e per dessert mangeremo la panna cotta (colorata di nero e fatta raffreddare negli stampini a forma di pipistrello e di semisfera)… 😛

Insomma, per essere una serata di semi-lock-down, per fortuna i bambini hanno potuto godersela almeno un po’!!

Perciò, con questo, auguro a tutti…