Contenitori fantasia per maglia

Per riordinare la mia scrivania e il mio angolo creativo, ho creato e rinnovato alcuni contenitori di forma cilindrica in cui conservare aghi da lana, uncinetti e altro materiale da maglia diverso dai semplici ferri, che conservo in un portaferri a tasche che apparteneva alla mia nonna.

Uno dei contenitori l’ho ereditato da mia nonna, ed era un barattolino di metallo per gli stick della glicemia riutilizzato per contenere gli aghi grossi da lana e i passanastri. Gli altri li ho ricavati da alcuni tubetti di cioccolatini in cartoncino, con il tappo di plastica.

Per abbellirli, vi ho incollato esternamente dei rettangoli di stoffa adesiva (presa tempo fa da “Tiger”), avvolgendoli tutto intorno e facendoli aderire alla superficie dei contenitori.

Ora sono molto più simpatici e contribuiscono ad abbellire la scrivania, oltre a contribuire a ridurre il disordine!!!

😀

Giorni #18 e #19 di 40 giorni in ordine

#40giorni_luluSono passati già 2 anni dal mio precedente tentativo (poi fallito per abbandono) di seguire il programma “40 giorni in ordine”! Qualcuno forse ricorda che avevo anche creato una tabella di marcia personalizzata (qui la mia versione in *.ppt, modificabile).

Stavolta ho ripreso dai punti #18 e #19: il riordino della mia scrivania-craft desk e sono ferma lì da una settimana… 🙁

Però mi consolo dicendomi che era diventata talmente tanto caotica che l’opera di riordino è un’opera pantagruelica e quindi richiede tempo: l’importante è non demordere!!! 😛

Man mano che riordino i miei materiali creativi, creo nuove opere… quindi dedicherò un post ad ogni mia nuova creazione!! Tra qualche giorno tornerò al lavoro dopo le ferie estive, ma spero di riuscire a portare a termine almeno questi 2 punti del programma entro la fine del mese!!!! 😀

Ecco il mio punto di partenza:

Prima

E spero di poter aggiungere la foto del punto di arrivo al più presto!!! 🙂

Avanzamento dei lavori di agosto

Ed ecco, con la fine di agosto, la fine delle vacanze estive (dei bambini) e l’avvicinarsi del rientro al lavoro (mio) e quindi il nuovo appuntamento mensile con i miei progressi nei lavori. Durante queste vacanze:

  • ho proseguito nel lavorare a maglia la tunica con tasche nei colori rosa e lilla (mod. Lyrah by DROPS Design) per la mia Patata, lavorando le tasche insieme al resto (anche se da modello sarebbero da lavorare a parte e cucire in un secondo momento);
  • ho quasi terminato le maniche del vestitino traforato lavorato a maglia con la lana turchese (mod. Wendy Darling by DROPS Design) ed ho iniziato la fascia per i capelli abbinata, sempre per la mia Patata;
  • ho iniziato un nuovo lavoro a maglia, che per ora resta una sorpresa;
  • ho ripreso il lavoro di “decluttering” della mia scrivania craft;
  • sempre per riordinare la scrivania, ho creato da alcuni confezioni riciclate dei contenitori per gli aghi, gli uncinetti e il materiale da maglia o cucito.

…e con questo ho terminato le mie opere di agosto! 🙁
Ho fatto pochino, ma vedremo i mesi prossimi!

Libri di agosto

Qualche giorno fa, approfittando di dover restituire un libro che avevo preso per me (e di essere sola!!!), sono andata a fare un salto anche alla Biblioteca per ragazzi e sono tornata a casa con 4 libri per i miei figli…

  • “Il piccolo grogo coraggioso”, di Kathryn Cave e Nick Maland, che racconta la storia del piccolo grogo che era tanto pauroso da non avere nemmeno il coraggio di uscire di casa, e del suo amico grippo che gli consiglia di pensare “pensieri coraggiosi”. Seguendo il consiglio, finalmente, il piccolo grogo diventa tanto coraggioso da non spaventarsi neppure in un bosco buio!! Questo libro l’ho scelto per il Terremoto, che è un po’ fifone, per aiutarlo a vincere le sue mille paure. 🙂
  • “La strega Camilla”, di Caterina Fasella e Donatella Bazzucchi, come spiega il sottotitolo, sono “Due filastrocche su una strega molto speciale”, molto tranquilla, che beve sepre la camomilla e quindi è sempre assonnata, tranne per quei pochi minuti che le fa effetto la cioccolata! Un libro divertente in rima. 😛
  • “Tutti contenti… o no?”, di Anna Baccelliere, un libro che ho trovato molto educativo e che racconta i diversi punti di vista rispetto al cibo (ma può valere per qualsiasi cosa): quello che per qualcuno è abbastanza, per qualcun’altro è troppo poco… Tutto sta nell’accontentarsi di ciò che si ha, anziché voler sempre di più! 🙂
  • “La mamma più bella del mondo”, di Marianne Barcilon, la storia di una bambina che perde la sua mamma in un mercato e che alcuni venditori aiutano a ritrovarla, basandosi sulla descrizione che la bimba fa della sua mamma, ovvero “è la più bella del mondo”! 😀

Avanzamento dei lavori di luglio

Ed eccoci, con la fine di luglio, già nel pieno delle vacanze estive (dei bambini) e nel bel mezzo delle ferie dal lavoro (mie) e quindi al nuovo appuntamento mensile con i miei progressi nei lavori:

  • ho proseguito nel lavorare a maglia la tunica con tasche nei colori rosa e lilla (mod. Lyrah by DROPS Design) per la mia Patata, iniziando a lavorare le tasche insieme al resto (anche se da modello sarebbero da lavorare a parte e cucire in un secondo momento);
  • ho quasi terminato le maniche del vestitino traforato lavorato a maglia con la lana turchese (mod. Wendy Darling by DROPS Design), sempre per la mia Patata;
  • ho realizzato dei fusi di lavanda con dei nastri colorati per profumare armadi e cassetti;
  • ho finalmente terminato di assemblare e confezionare ed ho consegnato la “torta di cancelleria” al nido dei miei figli;
  • ho realizzato con il Nano una “bottiglia della calma” secondo le istruzioni montessoriane, inserendovi brillantini e cuoricini all’interno, ma nonostante il risultato affascinante, i miei figli sembrano essere immuni dal suo effetto calmante!

…e con questo ho terminato le mie opere di luglio, nonostante le ferie. 🙁
Temo che con il rientro al lavoro sarà difficile conciliare tutti gli impegni con il portare avanti i miei hobby! 🙁

Salva

Giochiamo con i mesi: #lugliograncalura

Ispirata dal post di Maria Chiara del blog “Maryclaire perle&cose”, ho deciso di dedicare un post al tema da lei lanciato, ovvero “#lugliograncalura”, per cui ho inserito alcuni scatti che mi ricordano luglio, il caldo e… l’estate!

E allora, cosa c’è di meglio di…

…una passeggiata in un viale alberato…
…i piedini nudi sui ciottoli di fiume…
…il bagno in un fiume…
…rilassarsi sulla riva di un lago di montagna…
…giocare con la sabbia al mare…
…rilassarsi sotto l’ombrellone guardando il mare…
…una rinfrescante bevuta alla fontana…
…il banco con i gusti invitanti di una gelateria…
…un fresco gelato…
…un’insalatona fresca (come queste)…

..che voglia di vacanze!!! 🙂 Quasi quasi vado a mangiarmi un gelato!!! 😛 Yum!!!

Con questo post partecipo a:

Torta di cancelleria

Per la fine dell’anno scolastico, anche quest’anno abbiamo provveduto di sezione ai regalini di fine anno per le educatrici (per cui avevo realizzato i biglietti con il volo di farfalle) e per il “personale ausiliario” del nido con dei pensierini… Ispirata dalla foto che una mamma ha trovato in rete e ci ha inviato, ho pensato di fare una “torta di cancelleria” da regalare, come sur-plus, al nido (e quindi ai nostri bimbi, che ne faranno uso)…

Era la prima volta che mi cimentavo in un’opera simile, anche se da tempo sognavo di poter fare una “torta di pannolini”…
Assemblando un po’ di materiale adatto anche sotto i 3 anni (e, credetemi, anche solo questo è davvero difficile!!!), ho realizzato questa torta:
Ci ho impiegato un bel po’ di tempo, tanto che sono riuscita a consegnare la torta giusto in tempo prima delle vacanze estive, ma è stato un processo creativo lungo e complesso… Avevo iniziato con l’idea di una torta rotonda, ma poi ho provato a disporre tutti i barattolini di tempere e colori a dito a cerchio e si è posto il problema del tenerli insieme. Allora ho optato per una torta rettangolare, con le confezioni originali… Forse è un po’ più “goffa” e meno snella, ma non era davvero pensabile fare altrimenti!

Magari la prossima la farò per i bambini più grandi… e allora il materiale da metterci è molto più vario e permette maggiori possibilità nell’assemblamento! 😀

Cartoline e ricordi

Seguendo la raccolta “Ispirazioni&Co.”, portata avanti da Barbara del blog “Accidentaccio” e Federica del blog “Squitty dentro l’armadio”, ho deciso di partecipare allo “Swap di cartoline” da loro lanciato per il tema “#Ricordi” di questo mese…

Alla mia abbinata ho inviato una cartolina dalla Riviera del Conero, che per me è meta fissa delle vacanze praticamente da quando sono nata…

Sulle spiagge di Marcelli di Numana sono praticamente cresciuta, estate dopo estate… Mi ricordo che, quando ero bambina, io e mio fratello passavamo là le estati, al mare con le zie…
…per interi pomeriggi scorrazzavamo in bicicletta, finalmente liberi dal traffico cittadino 🙂
…con la bici esploravamo tutte le stradine più nascoste e, nell’era in cui non esistevano cellulari e navigatori, negli anni abbiamo iniziato a disegnarci una piantina con carta e matita 🙂
…poi c’era la “classifica dei gelati”, che stilavamo ogni estate in modo molto “scientifico”, scegliendo 2 gusti abbastanza classici e assaggiandoli nelle diverse gelaterie per decidere quale fosse la migliore 😛
…come nei libri di altri tempi, avevamo anche noi una “banda” di bambini con cui giocavamo, litigavamo e facevamo pace in continuazione nei caldi pomeriggi d’estate. 😀

Poi sono cresciuta, in paese hanno costruito ancora (e tanto!) e le strade hanno iniziato a diventare sempre più trafficate, i compagni di gioco hanno iniziato a disperdersi e io ho iniziato a passare le giornate sotto l’ombrellone o sulla grande terrazza a leggere libri e a lavorare a punto croce, oppure al mare a nuotare per ore…

Ora mi capita di portare i miei figli a trascorrere le vacanze al mare nel solito posto, ma niente è più com’era: non si può più lasciar girare tranquilli in bicicletta i bambini senza il rischio che una macchina li tiri sotto; “bande” di bambini non ce ne sono più (anche se i miei 4 scatenati tra qualche annetto potranno formarne una tutta loro 😛 !!!); con la sabbia della spiaggia non si possono più costruire castelli perché la sabbia di un tempo è stata sostituita da ghiaia che nelle annate meno piovose forma tanta polvere che i bambini giocandoci si trasformano in vampiri o fantasmi (tutti bianchi 😆 )…

…di immutato resta solo…

il mare…

il profilo del Conero…

i gabbiani…

Con questo post partecipo al:

Salva

Bottiglia della calma

Ieri pomeriggio, mentre i fratelli dormivano, con il Nano abbiamo preparato una “bottiglia della calma” per il Terremoto e la Patata, che ultimamente ne avrebbero un gran bisogno…
Sì, lo so che di solito si parla di “barattolo della calma” montessoriano, ma dopo aver riflettuto a lungo, ho pensato che se effettivamente serviva a calmare i nervi dei due pargoli, forse era meglio che fosse infrangibile e non contundente… così, giusto nel caso in cui non funzionasse e passasse loro per la testa di lanciarla contro un fratello o di scagliarla per terra… 😛

Perciò abbiamo optato per una bottiglietta di plastica (di quelle da mezzo litro dell’acqua, per intenderci). Le ho staccato l’etichetta e l’ho riempita con dell’acqua, man mano che vi versavamo dentro della polverina glitter, dei cuoricini argentati e del colorante alimentare.
Alla fine l’abbiamo riempita d’acqua fino a un paio di centimetri sotto l’orlo e abbiamo richiuso il tappo (che ho pensato di sigillare con un po’ di colla a caldo, giusto per sicurezza)… et voilà! lo strumento montessoriano in cui avevo riposto tutte le mie speranze era pronto a compiere il suo miracoloso effetto calmante, come da manuale. 😀

…Ma… c’è un “ma”… anzi, più di uno!!! 🙁 Continua a leggere

Fusi di lavanda profuma-biancheria

In questo periodo, la cosa più bella sono gli acquazzoni estivi, sia perché offrono refrigerio dalla calura insopportabile, sia perché, proprio con la pioggia, la lavanda del giardino sprigiona il suo inebriante profumo nell’aria…

L’anno scorso, su un blog che periodicamente frequento, “Pane, Amore e Creatività”, ho trovato un’idea davvero interessante per fare i fusi di lavanda da mettere dentro armadi e cassetti a profumare la biancheria.

Continua a leggere