#paroleconcatenate n.3

Ed ecco il terzo appuntamento con il nuovo gioco delle parole concatenate.

La soluzione della catena della settimana scorsa era:

Rosa
Nome
Comune
Pane

Le prime due parole sono legate tra loro nel titolo del famoso romanzo (da cui è stato tratto anche il film con Sean Connery e Christian Slater) “Il nome della rosa”, ma Rosa è anche un nome proprio di donna, e “Ciò che noi chiamiamo con il nome di ‘rosa’, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo” è uno dei monologhi più famosi di “Giulietta e Romeo” di Shakespeare… In grammatica, i nomi possono essere propri o comuni, di cosa, di animale o di persona. E il pane comune è quello realizzato solo con farina di grano, acqua, lievito e sale. 🙂

Dunque complimenti a Sara, che è riuscita ad indovinare la soluzione!!! Grazie anche a chi ha continuato a provare a dare la soluzione e a tutti gli altri partecipanti, perché l’importante non è vincere ma partecipare!! 🙂

Una sbirciatina al post della scorsa settimana per dare una rinfrescata alle regole, se serve, ed ecco la terza catena:

Cane
G
C
Reato

Indovinato???

A martedì prossimo per la soluzione e il vincitore!!! 🙂

#paroleconcatenate n.2 con aiutino

Ed eccoci alla terza settimana di vita del nuovo gioco delle parole concatenate.

Per prima cosa, una rinfrescata alle regole:

  • ogni martedì (visto che il gioco è iniziato il primo giorno dell’anno, che è stato appunto un martedì) io posto una catena di 4 parole collegate tra loro (la prima deve essere legata con la seconda, la seconda con la terza e la terza con l’ultima), di cui la prima e l’ultima saranno completamente leggibili, mentre delle 2 centrali sarà visibile solo l’iniziale.
  • Ci sarà tempo 1 settimana per postare la propria soluzione nei commenti (che saranno visibili solo dopo l’approvazione), trovando le due parole corrette attinenti (qui tutti gli esempi precedenti).
  • Il martedì successivo, pubblicherò la soluzione e il nome di chi ha indovinato le parole. In caso di più persone che indovinano, vince chi ha dato la soluzione corretta per primo in ordine cronologico nei commenti.
  • Nel caso in cui nessuno abbia indovinato (come nel caso di oggi), pubblicherò di nuovo la stessa catena di parole, con qualche indizio in più sulle 2 parole centrali.
  • Alla fine dell’anno vedremo chi avrà indovinato più catene e quindi sarà decretato vincitore della sfida dell’anno!

Poiché la settimana scorsa la catena forse era abbastanza difficile e perciò nessuno è riuscito ad indovinare le parole corrette, per questa settimana la catena resta la stessa, con qualche piccolo aiutino…
Ringrazio comunque Sara D.B., Laura e Fiore che hanno ugualmente tentato di dare la soluzione, perché anche se non si vince, l’importante è partecipare!! 🙂

Ripropongo perciò la catena:

Rosa
N _ _ e
C _ _ _ _ e
Pane

Chi indovinerà stavolta???

A martedì prossimo per la soluzione e il vincitore (speriamo)!!! 🙂

#paroleconcatenate n.2

Ed ecco il secondo appuntamento con il nuovo gioco delle parole concatenate.

Dunque, la soluzione della catena della settimana scorsa era:

Bicchiere
Vino
Rosso
Semaforo

Grazie a tutti i partecipanti e… complimenti (nell’ordine) a Sara, a Mirtillo14, a Davide e Carmela e a Sara (dalla Finlandia) che hanno indovinato! E doppi complimenti a Sara per la sua velocità!!! 🙂
Per questa settimana, quindi, la vincitrice del gioco è Sara, del blog “Creativa per gioco e per passione”!

Se vuole, può prelevare qui sotto il banner che ho creato apposta per l’occasione:

Qui trovate le regole del gioco, cui vorrei aggiungere una precisazione: le parole devono essere attinenti a due a due, ovvero la prima deve essere collegata alla seconda (es.: “bicchiere da vino”, ovvero il bicchiere più piccolo che si affianca a quello più grosso da acqua nei pranzi più formali), la seconda alla terza (es.: “vino rosso”, che poteva essere anche bianco o rosato, ma l’iniziale escludeva il bianco) e la terza all’ultima (es.: “semaforo rosso”). Spero di essere stata più chiara che nel post precedente.

E dopo tante chiacchiere, ecco la seconda catena:

Rosa
N
C
Pane

Indovinato??? 🙂

A martedì prossimo per la soluzione e il vincitore!!! 🙂

#paroleconcatenate n.1

Buon primo giorno dell’anno!!!
Finiti i festeggiamenti, ecco il primissimo appuntamento con il nuovo gioco del 2019: il gioco delle parole concatenate.

Qui trovate le regole e qui la prima catena:

Bicchiere
V
R
Semaforo

Indovinato??? 🙂

A martedì prossimo per la soluzione e il vincitore!!!

🙂

Anno nuovo… gioco nuovo!

Ed ecco l’arrivo del nuovo anno e la voglia di iniziare cose nuove… Da gennaio ho deciso di iniziare a proporre settimanalmente un gioco di parole. Non importa se parteciperanno in molti o in pochi (ma buoni!) a questo gioco, ma alla fine del prossimo anno vedremo chi avrà indovinato più volte e vincerà la sfida…

Dunque, ecco come funziona questo gioco: io ogni martedì (visto che iniziamo da domani, primo giorno dell’anno, che è appunto un martedì) posterò una catena di 4 parole collegate tra loro, di cui la prima e l’ultima saranno completamente leggibili, mentre delle 2 centrali sarà visibile solo l’iniziale.
Ci sarà tempo 1 settimana per postare la propria soluzione nei commenti (che saranno visibili solo dopo l’approvazione).
Il martedì successivo, pubblicherò la soluzione e il nome di chi ha indovinato le parole. In caso di più persone che indovinano, vale chi ha dato la soluzione per primo in ordine cronologico nei commenti.
In caso nessuno abbia indovinato, pubblicherò di nuovo la stessa catena di parole, con qualche indizio in più sulle 2 parole centrali (es.: lettera finale o lunghezza della parola)…

Allora, tutti pronti? A domani con la prima catena!!! 🙂

E… Buona fine e buon inizio dell’anno nuovo!!!

Avanzamento dei lavori di luglio

Ed ecco che a passi di gigante è arrivato già agosto e le vacanze… Metà di luglio l’ho trascorsa in città con gli operai in casa, l’altra metà al mare con i bambini e perciò i miei progressi nei miei W.I.P. (= Work In Progress), si sono ridotti a:

  • proseguire con il lavoro alla tunica rosa e lilla (mod. Lyrah by DROPS Design) per la Patata, fino ad arrivare alle spalle;
  • preparare il Pongo in casa di vari colori, per far giocare il Terremoto senza il rischio che il fratellino se lo mangiasse.
  • realizzare vari giochi e passatempi per i bambini, ormai a casa dall’asilo.

Buone vacanze e buon Ferragosto!!! 🙂

Pongo casalingo

Con la fine delle scuole primaria e materna, ho mandato il Nano in vacanza con la nonna, mentre il Terremoto rimane a casa con me… Già, perché -essendo io a casa dal lavoro fino a settembre- ho deciso di non mandarlo al centro estivo, ma di tenerlo a godersi qualche mattinata da “figlio unico”! 😆

Visto che sembra che adori il Pongo (o Didò, che dir si voglia), e visto che a casa non ne abbiamo, gli ho promesso di farlo insieme. Già, perché una volta ne avevo comprati alcuni barattolini per il Nano, ma si era seccato lasciando bricioline colorate ovunque in giro. Poi sono arrivati i fratelli piccoli che rischiavano di mangiarselo e di Pongo per casa non ne è girato più…

E ora che mi è preso??? Sono per caso impazzita, o i bambini non lo mangiano più perché sono grandi??

Macché!!! 😆 Ho deciso di utilizzare una ricetta trovata in rete per fare del Pongo commestibile!! 😀

Dopo numerose ricerche, ho provato una ricetta che non prevedeva il cremor tartaro (che non sono riuscita a trovare nei 2 supermercati vicino casa). Per realizzarlo, ho utilizzato:

  • 120 gr di farina,
  • 20 gr di sale fino,
  • 10 gr di bicarbonato di sodio,
  • 200 ml di acqua,
  • 1 cucchiaio di olio di semi,
  • qualche goccia di colorante alimentare.

Ho messo un pentolino sulla bilancia e vi ho versato -un ingrediente per volta- farina, sale e bicarbonato, in modo da avere le quantità giuste.
Poco alla volta, mescolando bene, ho versato l’acqua e l’olio.

Poi ho messo il pentolino sul fuoco basso, sempre mescolando, finché il composto non si è indurito e si è staccato dalle pareti del pentolino attaccandosi al mestolo.

Per colorare il Pongo così ottenuto, vi abbiamo aggiunto del colorante alimentare (abbiamo provato sia prima che dopo la cottura e il risultato non è cambiato)… 😀

Il Terremoto ha avuto un passatempo che gli piace molto e io ho passato qualche ora tranquilla a fare varie faccende che altrimenti non sarei riuscita a portare a termine!!! 😆

“Carcassonne”

Ancora per il compleanno del Nano, ci hanno regalato (dietro suggerimento non del tutto disinteressato 😛 ) un gioco che io ho conosciuto e giocato da ragazza e che prende il nome da una famosa città medievale francese: Carcassonne. Benché sulla scatola sia indicata l’età “8+”, sono riuscita a spiegare le regole anche al Nano e al Terremoto, facendo delle partite di prova a regole semplificate, per introdurle gradualmente una a una fino alla partita con le regole complete…

Al Nano 7enne e al Terremoto 4enne piace molto costruire le città, le strade e i monasteri circondati dai verdi campi, in soluzioni sempre differenti ad ogni partita. Per il punteggio, hanno ancora da imparare le strategie vincenti, ma hanno tempo! 🙂

Continua a leggere

Giochiamo con i mesi: #cielodinovembre

Dopo aver saltato il mese di ottobre per mancanza di tempo, questo mese sono riuscita a dedicare un post al tema lanciato da Maria Chiara del blog “Maryclaire perle&cose”, ovvero “#cielodinovembre”. Perciò in questi giorni di tempo novembrino mi sono data alla fotografia dei panorami che incontro mentre vado in giro, al lavoro, a prendere i bambini, a fare la spesa, ed ho inserito in questo post un po’ di foto che ho scattato in questi giorni…

Il cielo limpido di una giornata di sole quasi primaverile…
Il cielo nuvoloso squarciato d’azzurro sopra le cime degli alberi…

Continua a leggere