#insiemeraccontiamo 35 di luglio

Visto che in questi giorni mi sto godendo una vacanza al mare, non ho potuto fare a meno di partecipare alla “sfida” mensile di Pat… Purtroppo, complice il relax e le letture sotto l’ombrellone, più che un racconto breve, qui mi stava uscendo un romanzo… Ho fatto molta fatica a bloccare la fantasia! Comunque, ecco il risultato… 🙂

IL PASSATO

Quella notte aveva dormito molto male. Un pensiero fisso l’aveva tormentata. Non era riuscita a scacciarlo in nessuna maniera. “Forse solo abbattendolo a fucilate” pensò.
Ma poi sarebbe servito? In fondo il suo passato era ciò che era diventata: la perdita di quel ragazzo che aveva amato così ardentemente e in modo così totalizzante a 18 anni, aveva lasciato un segno profondo nel suo cuore e nella sua vita. Continua a leggere

Pongo casalingo

Con la fine delle scuole primaria e materna, ho mandato il Nano in vacanza con la nonna, mentre il Terremoto rimane a casa con me… Già, perché -essendo io a casa dal lavoro fino a settembre- ho deciso di non mandarlo al centro estivo, ma di tenerlo a godersi qualche mattinata da “figlio unico”! 😆

Visto che sembra che adori il Pongo (o Didò, che dir si voglia), e visto che a casa non ne abbiamo, gli ho promesso di farlo insieme. Già, perché una volta ne avevo comprati alcuni barattolini per il Nano, ma si era seccato lasciando bricioline colorate ovunque in giro. Poi sono arrivati i fratelli piccoli che rischiavano di mangiarselo e di Pongo per casa non ne è girato più…

E ora che mi è preso??? Sono per caso impazzita, o i bambini non lo mangiano più perché sono grandi??

Macché!!! 😆 Ho deciso di utilizzare una ricetta trovata in rete per fare del Pongo commestibile!! 😀

Dopo numerose ricerche, ho provato una ricetta che non prevedeva il cremor tartaro (che non sono riuscita a trovare nei 2 supermercati vicino casa). Per realizzarlo, ho utilizzato:

  • 120 gr di farina,
  • 20 gr di sale fino,
  • 10 gr di bicarbonato di sodio,
  • 200 ml di acqua,
  • 1 cucchiaio di olio di semi,
  • qualche goccia di colorante alimentare.

Ho messo un pentolino sulla bilancia e vi ho versato -un ingrediente per volta- farina, sale e bicarbonato, in modo da avere le quantità giuste.
Poco alla volta, mescolando bene, ho versato l’acqua e l’olio.

Poi ho messo il pentolino sul fuoco basso, sempre mescolando, finché il composto non si è indurito e si è staccato dalle pareti del pentolino attaccandosi al mestolo.

Per colorare il Pongo così ottenuto, vi abbiamo aggiunto del colorante alimentare (abbiamo provato sia prima che dopo la cottura e il risultato non è cambiato)… 😀

Il Terremoto ha avuto un passatempo che gli piace molto e io ho passato qualche ora tranquilla a fare varie faccende che altrimenti non sarei riuscita a portare a termine!!! 😆

Gelato fai-da-te

A chi non piace gustare un gelato quando il caldo dell’estate inizia a farsi sentire?

E i bambini mangerebbero solo quello!!

Allora perché non proporre loro un gelato per merenda? E lo si può facilmente fare in casa senza necessariamente avere la gelatiera!!!
Basta procurarsi dei vasetti di yoghurt (magari alla frutta, o senza grassi, con meno calorie, con vitamine, ecc…) e ce ne sono davvero per tutti i gusti! Poi, dopo aver infilato un cucchiaino (oppure un bastoncino) attraverso l’alluminio/plastica che chiude il vasetto, basta metterlo in freezer per qualche ora e lo yoghurt-gelato è pronto da leccare come un vero gelato, per la gioia dei piccoli (ma anche dei grandi)!!! 😛

Avanzamento dei lavori di giugno

Ed eccoci già a luglio, all’inizio dell’estate… Questo mese appena trascorso è davvero volato via!! Ecco l’appuntamento con il resoconto mensile dei miei W.I.P. (= Work In Progress), che questa volta, purtroppo, si riduce davvero al minimo…

  • Ho finalmente terminato il vestitino traforato (mod. Wendy Darling by DROPS Design) lavorato a maglia con il cotone misto lana turchese per la mia Patata. 😀
  • Ho proseguito con il lavoro alla tunica rosa e lilla (mod. Lyrah by DROPS Design) sempre per la mia Patata, ricominciando il busto a grana di riso con la lana di colore fuxia, perché il dietro mi era venuto male. 🙁

…ed ecco terminato il brevissimo elenco delle opere che ho portato avanti in questo mese! 😛