Bottiglia della calma

Ieri pomeriggio, mentre i fratelli dormivano, con il Nano abbiamo preparato una “bottiglia della calma” per il Terremoto e la Patata, che ultimamente ne avrebbero un gran bisogno…
Sì, lo so che di solito si parla di “barattolo della calma” montessoriano, ma dopo aver riflettuto a lungo, ho pensato che se effettivamente serviva a calmare i nervi dei due pargoli, forse era meglio che fosse infrangibile e non contundente… così, giusto nel caso in cui non funzionasse e passasse loro per la testa di lanciarla contro un fratello o di scagliarla per terra… 😛

Perciò abbiamo optato per una bottiglietta di plastica (di quelle da mezzo litro dell’acqua, per intenderci). Le ho staccato l’etichetta e l’ho riempita con dell’acqua, man mano che vi versavamo dentro della polverina glitter, dei cuoricini argentati e del colorante alimentare.
Alla fine l’abbiamo riempita d’acqua fino a un paio di centimetri sotto l’orlo e abbiamo richiuso il tappo (che ho pensato di sigillare con un po’ di colla a caldo, giusto per sicurezza)… et voilà! lo strumento montessoriano in cui avevo riposto tutte le mie speranze era pronto a compiere il suo miracoloso effetto calmante, come da manuale. 😀

…Ma… c’è un “ma”… anzi, più di uno!!! 🙁

…Appena costruita, il Topino ha adocchiato la bottiglietta azzurra scintillante e si è precipitato strisciando (non ne vuol proprio sapere di gattonare!!) per impossessarsene. Poi, sfoggiando un ampio repertorio di gridolini e urletti, ha iniziato a girarsela e rigirarsela in mano, a batterla per terra, a ciucciarne il tappo e il fondo, eccitatissimo dallo strumento “calmante”… 🙁

…La Patata, che doveva utilizzarla per calmare i suoi sempre più frequenti capricci, ha scoperto che era più divertente farla rotolare come una palla e lanciarla al fratellino… 🙁

…A quel punto, il Nano ha pensato bene di rubarla ai fratelli e di iniziare una partita di rugby con la bottiglietta, correndo per casa con la sorella che lo rincorreva e il Topino che gli strisciava dietro… e lì si è scatenato il finimondo!!! 🙁

Io mi sto ancora chiedendo dove o in che cosa ho sbagliato… che il trucco fosse tutto nel barattolo di vetro??? Ma se non fosse stata di plastica, nel giro di pochi minuti sarebbe stata sbriciolata in mille schegge lambite da un lago di acqua azzurra con i brillantini!!!! 😆

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*