Catenella portaciuccio

catenella_portaciuccio1Sembra che la Patata adori il ciuccio (come il Nano alla sua età, del resto), al contrario del Terremoto che, non solo non ne ha mai voluto sapere né di ciuccio né di biberon, ma è anche riuscito a rompere la clip del portaciuccio con la mucca ereditato da suo fratello. Quindi, la Patata è rimasta senza catenella portaciuccio!

Invece di comprarne una di plastica, che inevitabilmente andrebbe rotta nel giro di pochi giorni (conoscendo i fratelli), ho pensato bene di fargliela io! Perciò ho comprato una coppia di ganci da bretelle e, con circa 15 cm di gros-grain e 10 cm di nastrino di raso da 2 mm dello stesso colore le ho confezionato un’originale catenella portaciuccio a prova di fratelli! Ho arrotolato il bordino del gros-grain da entrambe le parti e l’ho cucito con uno zig-zag per non farlo sfilacciare. Da una parte l’ho ripiegato ancora e, dopo averlo fatto passare nel gancio da bretelle, l’ho ripiegato e cucito per fissarlo. Dall’altra parte, dopo aver fissato il nastrino di raso piegandolo su se stesso da entrambi i lati, ho piegato il gros-grain infilandovi in mezzo le due estremità del nastrino a formare un anello. E il portaciuccio era pronto! Per abbellirlo, vi ho cucito sopra un’applicazione a forma di biberon. E questo è il risultato finale:

catenella_portaciuccio_fine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*