I colori delle emozioni

All’inizio dell’anno scolastico scorso, il nido dei miei figli ha presentato a noi genitori al posto del solito progetto di sezione annuale (che ormai devo confessare di conoscere praticamente in anticipo, poiché, salvo qualche leggera modifica del “contenitore”, le attività che si fanno al nido a seconda della fascia d’età non sono cambiate negli ultimi 8 anni), un nuovo “progetto del nido” legato alle “Emozioni”.

Io che fino a quel momento ne avevo ignorato l’esistenza, mi sono piacevolmente trovata catapultata nel meraviglioso mondo de “I colori delle emozioni” di Anna Llenas…
Così, per Natale, oltre ad accordarmi con gli altri genitori per regalare al nido la collezione completa dei pelouches del mostro delle emozioni, ho personalmente contattato Babbo Natale perché portasse ai miei pargoli più piccoli il libro pop-up!!!

Ovviamente la Patata lo conosceva meglio di me e quindi ho dovuto subito darmi alla lettura per capire meglio i suoi racconti…

Così ho scoperto la storia di questo mostro pasticcione che una mattina si sveglia tutto confuso perché le sue emozioni si sono tutte mescolate…

Ma come è possibile uscire da questa confusione?

Ma imparando a riconoscere le diverse emozioni e separandole tra loro!!!

Così l’allegria ha il colore del sole: giallo.

La tristezza ha il colore azzurro.

La rabbia è rossa come il fuoco.

La paura fa diventare tutto nero.

La calma ha il colore delle foglie: verde.

Una volta che le emozioni sono tutte al loro posto, ciascuna nel suo barattolo, pronta per essere tirata fuori al momento del bisogno…

…ecco spuntare fuori un’altra emozione tutta rosa… l’amore! 🙂

Purtroppo i pop-up hanno subìto qualche piccolo danno da parte del Topino curioso, ma nonostante ciò restano comunque bellissimi.
Ho scoperto che esiste anche una versione illustrata a colori senza pup-up, forse più adatta ai piccoli, anche se per me un po’ meno bella! 😛

Per l’asilo, ogni mese io e la Patata prepariamo una bottiglietta con il colore del mese: il giallo dell’allegria a novembre, l’azzurro della tristezza a dicembre, il rosso della rabbia a gennaio, il nero della paura a febbraio e a marzo il verde della calma… Per aprile dovremo preparare la bottiglietta rosa, ma ormai sono preparatissima: mentre per il giallo non sapevo proprio come riempirla, dopo aver letto il libro non ho nessuna esitazione!!! 🙂

…ed oggi al supermercato ho visto un album da colorare e non ho saputo resistere: indovinate cos’era???

Ma questo, ovviamente:

Con questo post partecipo alla raccolta:
Ispirazioni & Co. 2018
Ispirazioni & Co.
Precedente Avanzamento dei lavori di marzo Successivo Un gradito premio blog

4 commenti su “I colori delle emozioni

  1. Bella questa iniziativa!
    Insegnare mille cose insieme. Insegnare i diversi colori ma anche a riconoscere certi sentimenti e sapere cosa farne e come usarli.
    D’accordo son piccoli però per incominciare a capire certe cose non è mai troppo presto. Poi le maestre sapranno senz’altro spiegare bene 🙂

    • Già! E vedessi come sono bravi!!! Purtroppo le generazioni più giovani sono sempre più in difficoltà nel riconoscere ed esprimere le proprie emozioni, perse dietro alla tecnologia e al mondo “social” e alla realtà virtuale!!! 🙁
      Insegnare a verbalizzare le emozioni fin da piccolissimi è un piccolo passo per rendere migliore questo mondo! 🙂
      A presto
      Lulù

  2. Scusa il ritardo nella lettura e nel commento.
    Bellissima proposta.
    Noi il percorso delle emozioni lo abbiamo fatto alle elementari, una esperienza bellissima.

    • Già, un’esperienza davvero bella anche per gli adulti! Ora mia figlia identifica le emozioni con il loro colore e guai cambiarglielo!!! E così mi sono dovuta adeguare: c’è sempre da imparare!! 🙂
      A presto, Fede!
      Lulù

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.