Amico lupo

Grazie a mia madre, ho scoperto la serie di libri per bambini “Amico Lupo” della scrittrice Orianne Lallemand e dell’illustratrice Eléonore Thuillier, due autrici francesi che hanno dato vita ad una serie di storie di questo lupo che vive un sacco di avventure:

  • la ricerca di un’innamorata che però non è quella giusta, finché l’amore non arriva da solo senza ricerche in “Il lupo che cercava l’amore”,
  • la ricerca nel bosco di qualcuno che lo aiuti a preparare la torta di mele di zia Rosetta in “Il lupo che entrava nelle fiabe”,
  • una passeggiata in mezzo ai suoi amici tutti presi dai preparativi natalizi, mentre lui odia assolutamente il Natale in “Il lupo che non amava il Natale”,
  • i vari esperimenti con ogni mezzo di trasporto possibile, per non dover più stancarsi i piedi dopo una giornata di cammino, salvo poi rendersi conto che stare con i piedi per terra è meglio, in “Il lupo che non voleva più camminare”,
  • l’invito ad una festa per il proprio compleanno a cui nessuno sembra volere o poter partecipare e la rabbia per essere stato deluso, fino a trovarsi in mezzo alla festa a sorpresa organizzata proprio dai suoi amici in “Il lupo che voleva la festa di compleanno”,
  • i vari esperimenti di cambiare il proprio aspetto scegliendo ogni giorno un colore diverso dal nero, fino a capire che un lupo è un lupo e quindi il nero è il colore più naturale per lui in “Il lupo che voleva cambiare colore”,
  • i tentativi di buttarsi in campo artistico alla ricerca della propria vocazione artistica come pittore, poeta, scultore, attore, fino a scoprirsi bravissimo a cantare e diventando una vera e propria rock-star in “Il lupo che voleva fare l’artista”,
  • la visita di vari Paesi diversi in giro per il mondo per scacciare la noia, fino ad accorgersi che non c’è niente di più divertente di una serata a casa sua con gli amici in “Il lupo che voleva fare il giro del mondo”,
  • la ricerca di un’opera sparita dal museo in cui si stava annoiando con Lupa in “Il lupo investigatore al museo”.

Insomma, un lupo fuori dai soliti schemi: un lupo che smette di essere l’antagonista cattivo per diventa il protagonista principale dalle caratteristiche molto “umane”, con le stesse emozioni e le stesse paure che ogni bambino ha sicuramente sperimentato oppure sperimenterà nella sua vita. Da leggere, perché merita! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*