Gli alberi dei Natali passati

Ed oggi inizia il lungo week-end dell’Immacolata, data in cui tradizionalmente facciamo l’albero di Natale!

alberoNataleOgni anno ne personalizziamo un po’ le decorazioni, in modo da avere ogni volta un albero un po’ diverso dall’anno prima.

Negli ultimi anni, poi, ho dovuto fare degli adattamenti delle decorazioni ai minori: via tutti gli addobbi di vetro (bellissimi ma… facilmente distruggibili!), gli addobbi pericolosi (fili pendenti, oggetti appuntiti, oggettini facilmente ingoiabili con conseguente rischio di soffocamento, e così via), ecc… E poi ho iniziato a coinvolgere il Nano nella loro preparazione.

Siccome l’albero di quest’anno non è ancora pronto, intanto passerò in rassegna gli alberi dei Natali passati (anche se, detto così, fà tanto favola di Dickens… 🙂 ):

  1. Il primo Natale del Nano mi sembra (perché non ne ho conservato nessuna foto) di aver messo su l’albero con le sole lucine e poi dei bicchierini di carta con tema natalizio, bucati sul fondo e appesi con del nastro rosso (gli stessi, in parte, poi utilizzati anche gli anni successivi)… niente di memorabile, ma comunque a prova di danni!!
  2. albero2011aalbero2011Il secondo Natale del Nano, gli ho lasciato del pan di zenzero con cui pasticciare e ho fatto i biscottini ricoperti con la glassa colorata e un buco in cima, per infilare il nastrino. Poi ho stampato una serie di ghirlande natalizie albero2011bda colorare, le ho colorate con i pennarelli, le ho ritagliate e incollate sul lato con le scritte di un pacco di vecchi cd da buttare, in modo che da un lato ci fosse il disegno e dall’altro rimanesse la superficie argentata a riflettere i colori delle lucine. C’è da dire che, sotto Natale, al Nano è stato permesso mangiare i biscotti… che lui ha afferrato direttamente dalla fonte!! Appesi all’albero sono rimasti solo i nastrini! 🙂
  3. albero2012Il terzo Natale del Nano, vista la fatica costata fargli fare i biscotti in occasioni precedenti, non mi sono sentita di riprovarci (dato lo stato avanzato di gravidanza del Terremoto) e quindi abbiamo riproposto l’albero dell’anno prima, con la sola aggiunta di qualche pallina di cioccolata (ammetto, comprata già confezionata al supermercato 😛 ) e due stelline di cartoncino con cioccolatino pendente. Però, alla fine delle feste, sono riuscita anche a farmi aiutare a smontare l’albero dal Nano, che vedeva in questo il miraggio di una gran scorpacciata di cioccolata! 🙂albero2013aalbero2013
  4.  Il Natale scorso, io e il Nano ci siamo dedicati alle decorazioni per l’albero di Natale fatte con il cartoncino e la pasta. Alla fine, il risultato è stato pienamente soddisfacente: le stelle di cartoncino e pasta sono state alternate alle ghirlande fatte con i vecchi cd, ladro di Natalementre i bicchierini di carta sono rimasti in basso alla mercè del Terremoto (allora ancora conosciuto come “Il Gattonatore”) ladro di bicchieri!

http://www.dreamstime.com/royalty-free-stock-images-red-christmas-ball-silver-garland-image11550479Prima dell’arrivo del Nano, ho abitato in vari posti in cui per motivi di spazio non avevo la possibilità di montare un vero e proprio albero, per cui l’unico albero che ricordo di aver avuto era un “albero da lampada”, che mi ero costruita io con una spirale di fil di ferro, cui avevo avvolto un filo di nastro argentato (di quelli che decorano di solito gli alberi), cui avevo attaccato delle mini-palline rosse. In cima alla spirale avevo creato un gancetto per attaccare il mio mini-alberello ad un lampadario, ad una maniglia, ecc…

Questo post partecipa a:

decoriciclo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*